Arte, Cultura e Spettacoli

Teatro Comunale Città di Vicenza: Simone Cristicchi

Si apre sabato 4 dicembre alle 20.45 la tanto attesa stagione di prosa 2021/2022 al Teatro Comunale Città di Vicenza, realizzata con la consulenza artistica di Annalisa Carrara. Una stagione ricca di suggestioni, in grado di conciliare l’impegno civile, l’approfondimento di temi della storia recente, ma anche l’intrattenimento e uno sguardo sorridente alla realtà dei giorni nostri. Tredici i titoli in programma, di cui 5 in doppia data, otto programmati in Sala Grande e cinque al Ridotto, una proposta ampia, sempre sotto l’egida della qualità, cifra che connota fortemente questo genere artistico al Tcvi. Ad inaugurare il cartellone, un appuntamento con un outsider della scena d’autore e musicale italiana: Simone Cristicchi, presenterà in prima regionale “Alla ricerca della felicità” una narrazione dai toni lirici, uno spettacolo di cui è autore oltre che protagonista.
Firmato da Corvino Produzioni, il nuovo lavoro con il quale il cantautore romano torna a incontrare il pubblico vicentino è frutto di un più ampio percorso di ricerca dal quale sono nati anche un libro, “Happy Next – Alla ricerca della felicità” pubblicato da La Nave di Teseo, e un docufilm per la regia di Andrea Cocchi. Il tutto è partito da alcune domande di profonda rilevanza, in particolare in questi tempi di pandemia: “Felicità: cosa significa davvero? In cosa risiede?”.
Questo perché da sempre il genere umano concentra i suoi sforzi per afferrare la felicità, per coglierla tanto nel fascino delle grandi idee quanto nella meraviglia delle piccole cose. Eppure, raramente si può dire di esserci riusciti. In questo spettacolo, l’autore e attore sceglie di provare a spiegare cosa la felicità rappresenti, al riparo da facili entusiasmi e conclusioni affrettate.

La ricerca della felicità si sposa, infatti, con l’inesauribile curiosità di Simone Cristicchi, il quale, attraverso la filosofia, la meditazione e la fede, parla al pubblico della bellezza, della vitalità, del tempo, del senso di appartenenza e di comunità, di musica e di storie. Da qui, è nato un percorso in sette parole chiave – attenzione, lentezza, umiltà, cambiamento, memoria, talento, noi – ispirato a “Comizi d’amore” di Pierpaolo Pasolini nel quale troveranno spazio canzoni, aneddoti, racconti e interviste, che accompagneranno gli spettatori nella sorprendente scoperta del senso profondo di una ricerca che tocca ognuno di noi.
“Credo che tutti noi siamo venuti al mondo per essere felici e in questo senso il progetto complessivo cui mi sono dedicato in questi ultimi anni cerca dei legami tra i diversi momenti delle nostre esistenze. Di conseguenza, spero di regalare al pubblico degli spunti di riflessione, di gettare un seme pronto e germogliare in un terreno fertile e in un tempo particolare come quello dai tratti drammatici che stiamo vivendo… perche’ la felicità è una porta che si apre solo verso l’esterno”.
Simone Cristicchi è attore, autore teatrale e scrittore, oltre che uno dei cantautori più interessanti e innovativi della sua generazione. Divenuto noto al grande pubblico nel 2007 con la vittoria al festival di Sanremo con la canzone “Ti regalerò una rosa”, dal 2013 è la sua carriera assume una svolta teatrale, grazie alla messa in scena al Politeama Rossetti di Trieste dello spettacolo musicale “Magazzino 18”, scritto in collaborazione con il giornalista Jas Bernas e diretto da Antonio Calenda, sulla vicenda delle foibe e sull’esodo giuliano-dalmata.
Per lo spettacolo di sabato 4 dicembre restano ancora pochi biglietti.
La stagione di prosa del Teatro Comunale di Vicenza è realizzata con il sostegno dei soci della Fondazione Teatro Comunale Città di Vicenza – Comune di Vicenza, Regione del Veneto, Fondazione Cariverona, Intesa Sanpaolo – e da una rete di partner e sponsor, istituzioni e imprese: AGSM AIM, Anthea S.p.A., Banca Popolare di Marostica – Volksbank, Burgo Group, Cantine Colli Vicentini – Vitevis, Banca delle Terre Venete, Confcommercio Vicenza, Develon, F.I.S. Fabbrica Italiana Sintetici, Gruppo Battistolli, Inglesina, ItalOhm, Lions Club Vicenza, Nardi S.p.A., Pesavento, Telemar, Viacqua.

Gli abbonamenti alla stagione di prosa 2021-2022 sono in vendita fino al 23 febbraio, mentre i biglietti sono in vendita a 29,50 euro a prezzo intero, a 23,50 euro ridotti over 65 e 14,50 ridotti under 30. L’acquisto è possibile in biglietteria a teatro, previo appuntamento obbligatorio, dal martedì al sabato dalle 15 alle 18.15; al telefono chiamando lo 0444-324442 nei giorni di apertura dalle 16 alle 18 e online sul sito www.tcvi.it. L’acquisto è possibile anche tramite 18App Carta del docente e voucher.
Per gli spettacoli in doppia recita della Stagione di Prosa, i posti nelle ultime file sono in vendita al prezzo ridotto di € 12,00 (€ 63,00 per 6 spettacoli).

Alla ricerca della felicitá- foto Mattia Crocetti

Relativamente alle misure di contenimento della pandemia, i biglietti per gli spettacoli sono nominali. In caso di acquisto per più spettatori, sarà necessario fornire i dati anagrafici e l’indirizzo mail di ognuno.
In base alle normative vigenti, l’accesso alle sale teatrali è consentito esclusivamente ai soggetti muniti di Certificazione Verde Covid-19 mentre dal 6 dicembre sarà consentito soltanto ai possessori di “Green Pass rafforzato”, ovvero a chi è vaccinato o guarito dal Covid-19, salvo i casi di esenzione previsti dalla legge.
Per maggiori informazioni: www.dgc.gov.it.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button