Provincia

Prefettura-UTG di Vicenza: la Polizia di Stato assesta un forte colpo allo sfruttamento della prostituzione

Prefettura-UTG di Vicenza: la Polizia di Stato assesta un forte colpo allo sfruttamento della prostituzione

Grazie davvero alla Magistratura ed alla Squadra Mobile della Polizia di Stato di Vicenza che, nell’ambito delle strategie di contrasto allo sfruttamento della prostituzione, hanno messo a segno un’operazione davvero straordinaria, assicurando l’esecuzione di ben otto provvedimenti di fermo nei confronti di altrettanti soggetti di nazionalità rumena, italiana ed ivoriana. Altri sette analoghi provvedimenti emessi dalla Procura saranno eseguiti non appena rintracciati gli ulteriori destinatari degli stessi.
Questa operazione è da incorniciare sotto diversi profili, andando per un verso a liberare le povere vittime, giovani donne rumene completamente asservite agli obiettivi economici di questa banda criminale e andando, al contempo, altresì a liberare quelle parti di periferia cittadina di Vicenza ove si alimentava un triste mercato del sesso in contesto urbano, già fatto oggetto di attenzione anche sul piano delle politiche di sicurezza preventiva nell’ambito delle strategie di controllo del territorio da parte delle Forze di Polizia coordinate dalla Prefettura.
Grazie a questi fermi ed agli altri che verranno eseguiti non vedremo per un po’ queste giovani donne straniere, nella più parte dei casi rese schiave con violenza fisica e psichica, fare mostra del proprio corpo nella periferia cittadina o addirittura essere portate con autisti nelle case della clientela.
È un fenomeno davvero odioso al quale vorremmo utopisticamente fosse posta per sempre la parola fine, per ragioni di ordine tanto giuridico che etico. A tale ultimo riguardo non si può non considerare ignobile quella bassissima visione della donna come mero oggetto di bramosia sessuale, che alimenta un mercato vergognoso e dalle indiscutibili circuitazioni criminali che finiscono per incidere anche sulla percezione di sicurezza da parte dei cittadini.
Bravi cari poliziotti di Vicenza, bravo Sig. Questore e grazie a tutti voi ed all’opera sapiente e solerte della Magistratura che ha assestato un duro colpo al mercato del sesso di Vicenza.
Questo importante risultato rinnova con grande slancio l’intendimento di tutti gli attori della pubblica sicurezza di proseguire ad assicurare la propria opera di controllo del territorio per garantire che la provincia di Vicenza sia sempre più sicura. E fa piacere, al riguardo, cogliere come l’avvio dell’attività di polizia giudiziaria che ha portato ai fermi di oggi abbia tratto spunto investigativo proprio da un’operazione di prevenzione rientrante nei controlli disposti per la verifica delle misure di contenimento per il Covid con segnato riferimento alle restrizioni alla circolazione risalenti allo scorso inizio d’anno.

Vicenza, 23 novembre 2021

Il Prefetto
Signoriello

 

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button