Veneto

Regione Veneto: conclusi i lavori sull’Astico a Pedemonte e Valdastico

Regione Veneto: conclusi i lavori sull’Astico a Pedemonte e Valdastico. Bottacin, “Investito oltre un milione di euro per la sicurezza”

Sono stati completati dalle strutture regionali del Genio Civile di Vicenza una serie di interventi sul fiume Astico, che hanno in particolare interessato i comuni di Pedemonte e Valdastico.
“Lavori importanti che avevamo programmato con l’obiettivo di potenziare la sicurezza delle aree interessate – dice l’assessore al Dissesto Idrogeologico Gianpaolo Bottacin – dopo che gli eventi calamitosi degli ultimi anni avevano provocato l’innalzamento del livello idrometrico dell’Astico, producendo la comparsa di nuovi dissesti lungo il tratto d’alveo”.
Sulla base delle criticità individuate si era quindi provveduto ad attivare una progettualità che prevedeva diversi lavori di sistemazione e di messa in sicurezza lungo il fiume.
“Sono state innanzitutto individuate tre zone di intervento – prosegue l’assessore – in località Casotto si è provveduto alla sistemazione dei dissesti, alla realizzazione di una soglia e alla riprofilatura dell’alveo; nella medesima località si è altresì compiuta la realizzazione delle difese spondali; in località Ponte Maso si è invece compiuta la pulizia dell’alveo a monte dell’attraversamento stradale”.
Lo scorso luglio, a causa di un ulteriore importante evento meteorologico che aveva colpito in particolare l’area pedemontana provocando anche nuove erosioni e il crollo per sifonamento di alcune briglie nel tratto in cui erano in corso i lavori sull’Astico, gli uffici regionali hanno immediatamente attivato un intervento suppletivo, in somma urgenza, per provvedere alla sistemazione di tali criticità. Il lavoro principale è stato quindi concluso a metà settembre, quello in somma urgenza nei giorni scorsi.
“Interventi per i quali abbiamo investito complessivamente oltre un milione di euro – conclude Bottacin – 800 mila euro per l’intervento principale e 240 mila per quello supplettivo, che garantiranno la sicurezza idraulica a protezione dei nuclei abitati, della viabilità comunale e delle attività produttive presenti lungo il tratto oggetto di intervento, ma che hanno anche permesso di eliminare una situazione di degrado ecologico e paesaggistico venutasi a creare a seguito della tempesta Vaia”.

 

 

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare...
Close
Back to top button