Arte, Cultura e Spettacoli

A Koinè, primo appuntamento per la filiera del sacro

A Koinè, primo appuntamento per la filiera del sacro, il gioiello devozionale protagonista

Il crocifisso e il rosario, simboli del Cristianesimo, ma anche l’anello di preghiera e la croce di San Benedetto. Alla 19° edizione del salone internazionale organizzato da Italian Exhibition Group SpA, che torna dal vivo in fiera a Vicenza dal 24 al 26 ottobre 2021, i gioielli religiosi più amati e richiesti

www.koinexpo.com

Una croce al collo o un anello con impresse le parole di una preghiera. Il gioiello religioso è un vero e proprio mezzo per rendere tangibile la spiritualità. Una forte valenza simbolica che investe i preziosi più amati e richiesti: non solo gli emblemi del Cristianesimo per antonomasia, come il crocifisso e il rosario, ma anche l’anello di preghiera e la croce di San Benedetto.

Il gioiello devozionale sarà uno dei focus di Koinè – XIX International Exhibition of Sacred Arts, la manifestazione organizzata da Italian Exhibition Group, primo appuntamento in presenza per le aziende e gli operatori del culto che dal 24 al 26 ottobre 2021, a Vicenza, potranno riallacciare le relazioni personali e confrontarsi dal vivo sulle tematiche più attuali in questa fase di rilancio del settore.

Nel quartiere fieristico IEG di Vicenza fervono i preparativi per la tre giorni: un’agorà pronta ad ospitare business, convegni, mostre, riflessioni sulla green economy, network e formazione per espositori, artisti, aziende, artigiani. Ma anche un luogo di incontro tra i popoli con protagonista l’eccellenza manifatturiera Made in Italy, assieme a una selezione di espositori da Spagna, Polonia e Germania.

“I clienti esteri sono alla ricerca del Made in Italy applicato al gioiello di culto poiché in esso riconoscono una tradizione millenaria. Per fare un esempio – spiega Simona Pellegrini, CEO di DELTA STILE s.r.l., azienda familiare aretina, espositrice a Koinè, di decennale esperienza e con l’80% di produzione destinata all’esportazione – nella nostra produzione di crocifissi ci sono delle vere e proprie riproduzioni di croci realizzate da Giotto e Cimabue che ricalcano l’originale in ogni dettaglio, così come i crocifissi di San Damiano, San Benedetto e altri ancora. I nostri clienti esteri sono affascinati dalla nostra storia e dalla nostra cultura e apprezzano notevolmente che queste siano riproposte nei nostri gioielli devozionali”.

In questo particolare settore l’Italia ha sempre espresso creatività e qualità di realizzazione, grazie ai distretti di eccellenza di Vicenza, Arezzo, Valenza (Al) e Torre del Greco (Na). I produttori di gioielli religiosi hanno visto negli ultimi anni un aumento della richiesta, complice anche la tendenza a considerare il gioiello devozionale come accessorio di moda oltre che di fede. L’offerta in questo momento è molto strutturata e completa, oltre che di alta qualità.
In un momento in cui mondo intero sta vivendo un lungo periodo di mutazioni e di cambiamenti, la fede religiosa ne esce rinfrancata: il gioiello religioso, accompagnato inevitabilmente dalla sua simbologia, diventa emblema di tradizione e rinascita. Nell’affrontare le sfide attuali, mai come ora diviene necessario per le aziende e gli operatori del settore riuscire a coniugare la lavorazione artigianale con l’innovazione.

“L’innovazione tecnologica trova ampia applicazione nello sviluppo e nella produzione degli articoli religiosi, senza che questi perdano la loro antica bellezza. Va da sé – prosegue Pellegrini – che la tecnologia debba affiancarsi alla lavorazione manuale ed artigianale, non sostituirla totalmente. La mano dell’artigiano rimane sempre il segno di distinzione”.

Tra le aziende presenti a Koinè: le vicentine ITALIAN STILE, che punta su uno staff di designer e orafi specializzati per sviluppare linee e articoli personalizzabili in tutti gli aspetti; COMERO GROUP specializzato dal 1978 nella lavorazione dell’argento; IGGS- International Gold and Silver Service che esporta in Asia, Stati Uniti e tutta Europa. Dal distretto toscano ANGELO AREZZO, di tradizione familiare 100% Made in Italy e CANDRÈ SRL con focus su argento 925. Dall’estero, tra gli altri, il grande player tedesco MOSER + PFEIL, partner commerciale di produzione per il business della gioielleria.

Il gioiello ha sempre rivestito un ruolo di primo piano nella storia del costume di tutte le civiltà, a partire dalle più antiche. I primi monili in oro appaiono in Egitto e Mesopotamia già tre secoli prima di Cristo e sin dall’inizio erano utilizzati per mostrare l’appartenenza religiosa, politica o lo status sociale. A Koinè la migliore produzione del Made in Italy dal gioiello devozionale della tradizione a proposte innovative che guardano a un rinnovato rapporto con la fede.

FOCUS ON ITALIAN EXHIBITION GROUP
Italian Exhibition Group (IEG), quotata sul Mercato Telematico Azionario organizzato e gestito da Borsa Italiana S.p.A., ha maturato negli anni, con le strutture di Rimini e Vicenza, una leadership domestica nell’organizzazione di eventi fieristici e congressuali e ha sviluppato attività estere – anche attraverso joint-ventures con organizzatori globali o locali, come ad esempio negli Stati Uniti, Emirati Arabi Uniti, Cina, Messico, India – che l’hanno posizionata tra i principali operatori europei del settore.

Il presente comunicato stampa contiene elementi previsionali e stime che riflettono le attuali opinioni del management (“forward-looking statements”) specie per quanto riguarda performance gestionali future, realizzazione di investimenti, andamento dei flussi di cassa ed evoluzione della struttura finanziaria. I forward-looking statements hanno per loro natura una componente di rischio ed incertezza perché dipendono dal verificarsi di eventi futuri. I risultati effettivi potranno differire anche in misura significativa rispetto a quelli annunciati, in relazione a una pluralità di fattori tra cui, a solo titolo esemplificativo: andamento del mercato della ristorazione fuori casa e dei flussi turistici in Italia, andamento del mercato orafo – gioielliero, andamento del mercato della green economy; evoluzione del prezzo delle materie prime; condizioni macroeconomiche generali; fattori geopolitici ed evoluzioni del quadro normativo. Le informazioni contenute nel presente comunicato, inoltre, non pretendono di essere complete, né sono state verificate da terze parti indipendenti. Le proiezioni, le stime e gli obiettivi qui presentati si basano sulle informazioni a disposizione della Società alla data del presente comunicato.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button