Economia

IEG: riaperto al pubblico il Museo del Gioiello

IEG: riaperto al pubblico il Museo del Gioiello

Inaugurata l’esposizione permanente “Gioielli Italiani”, finora fruibile solo in digitale, e aperta al pubblico dal 25 settembre nell’esclusivo spazio museale allestito in Basilica Palladiana
da Italian Exhibition Group e gestito in collaborazione con il Comune di Vicenza. Al Consorzio Vicenza è la biglietteria e il bookshop.

www.museodelgioiello.it

«La Mostra “Gioielli Italiani” nasce dalla volontà di celebrare il gioiello Made in Italy per i suoi valori culturali, estetici e manifatturieri, ma anche come una risorsa economicamente rilevante per le nostre esportazioni. Il gioiello, e il Museo lo dimostra, si fa portatore di valori materiali e immateriali tipicamente italiani: bellezza formale, qualità manifatturiera, varietà e innovazione. Per raccontare meglio e per un periodo di tempo più lungo il gioiello italiano abbiamo deciso perciò di estenderne la durata fino a farla diventare un’edizione permanente». Queste le parole di Alba Cappellieri, Direttore del Museo del Gioiello, in occasione dell’inaugurazione della mostra “Gioielli Italiani”, dallo scorso dicembre fruibile in formato digitale sul sito del Museo e, da sabato 25 settembre, visitabile per la prima volta dal vivo.
Il prestigioso spazio museale di Italian Exhibition Group, allestito in Basilica Palladiana e gestito in collaborazione con il Comune di Vicenza, con questa esposizione riapre le porte ai visitatori dopo la pausa forzata legata alle misure di contrasto alla pandemia, consolidando così il suo ruolo di riferimento culturale per l’intero settore orafo e per il territorio e arricchendo la già florida offerta artistica della città berica. Dal 2019, infatti, è entrato ufficialmente all’interno del circuito di location museali e monumentali del centro storico visitabili con il biglietto unico Vicenza Card. Una sinergia che si rafforza anche nella gestione operativa della biglietteria e del bookshop grazie all’accordo di collaborazione con il Consorzio “Vicenza è”, che già coordina i siti turistici cittadini.
Per la sua quarta edizione, il sito museale lascia la sua veste mutante e diventa un museo permanente dedicato al gioiello italiano, proponendo il territorio come ulteriore livello di lettura del racconto prezioso che celebra le migliori storie orafe nazionali, all’insegna del pluralismo interpretativo e della multidisciplinarità. I 270 gioielli presenti in nove sale tematiche, selezionati dal comitato scientifico che ha coinvolto i distretti orafi di Vicenza, Valenza, Arezzo e Torre del Greco, mettono in evidenza l’alto artigianato dei grandi artisti orafi, delle maison, dei protagonisti del gioiello moda, dei designer e delle eccellenze caratterizzate da tecniche e materiali propri del Made in Italy: dal corallo alla filigrana, dal micromosaico alla pietra lavica e gli scenari del futuro.

L’inaugurazione della Mostra, lo scorso 24 settembre, ha visto la presenza di Marco Carniello, Global Exhibition Director della divisione Jewellery & Fashion di Italian Exhibition Group, Francesco Rucco, sindaco di Vicenza, Simona Siotto, assessore alla Cultura del Comune di Vicenza, e Alba Cappellieri, Direttore del Museo del Gioiello.

Per l’accesso al Museo del Gioiello sarà necessario esibire il Green Pass. La prenotazione non è obbligatoria. Gli orari di visita sono i seguenti: dal martedì al venerdì dalle 10:00 alle 13:00 e dalle 15:00 alle 18:00, sabato e domenica dalle 10:00 alle 18:00.

FOCUS ON ITALIAN EXHIBITION GROUP
Italian Exhibition Group (IEG), quotata sul Mercato Telematico Azionario organizzato e gestito da Borsa Italiana S.p.A., ha maturato negli anni, con le strutture di Rimini e Vicenza, una leadership domestica nell’organizzazione di eventi fieristici e congressuali e ha sviluppato attività estere – anche attraverso joint-ventures con organizzatori globali o locali, come ad esempio negli Stati Uniti, Emirati Arabi Uniti, Cina, Messico, India – che l’hanno posizionata tra i principali operatori europei del settore.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button