Ovest Vicentino

Recoaro Terme: versante di Rovegliana 600.000 euro per la sistemazione

Recoaro Terme: versante di Rovegliana 600.000 euro per la sistemazione
Ai blocchi di partenza i lavori di miglioramento della sicurezza viaria

È tra le opere strategiche che il Comune di Recoaro Terme potrà finalmente avviare nelle prossime settimane: il miglioramento della sicurezza viabilistica del versante di Rovegliana è ormai realtà.
Con un contributo di 600.000 euro da parte della Regione Veneto, nelle casse di Via Roma sono pronti i fondi per gli interventi che avranno una durata stimata di circa 5 mesi.
L’instabilità e i danni alle infrastrutture viarie del versante in cui è situata la frazione di Rovegliana sono una delle conseguenze dei pesanti eventi atmosferici che hanno colpito il territorio recoarese tra il 31 ottobre e il 2 novembre 2010. In quello stesso periodo sono andati sott’acqua oltre 140 chilometri quadrati di territorio veneto, con 130 comuni interessati tra cui Vicenza che ha vissuto una delle più grandi alluvioni di sempre.
Gli interventi in programma a Recoaro si focalizzeranno su quattro aree ben localizzate.
In contrada Molino di Sotto si rende necessario il rafforzamento di una parete con posa di rete metallica e pannelli in fune sostenuti da barre di ancoraggio.
In contrada Caneva di Sotto, invece, si interverrà sul rafforzamento di un muro di sostegno esistente su cui verrà posata una rete elettrosaldata, con barre di ancoraggio e copertura con materiale cementizio spritz beton. A quel punto si potrà realizzare un cordolo di consolidamento con micropali armati che serviranno a contrastare il cedimento a valle della sede stradale.
Ci si sposterà poi in contrada Piazza dove si dovrà procedere al rivestimento con rete elettrosaldata di un muro a secco esistente per poi posizionare degli ancoraggi con barre autoperforanti.
Infine, in contrada Cappellazzi, verrà realizzata una serie di drenaggi con canalette trasversali alla sede stradale che consentiranno un più efficace smaltimento delle acque meteoriche.
“Le opere che potranno partire a breve – spiega l’Assessore ai Lavori Pubblici, Enrico Storti – sono fondamentali per garantire la sicurezza delle centinaia di persone che ogni giorno transitano per le strade del versante che sorge alla sinistra orografica del nostro territorio comunale. Con questo primo stralcio si intendono ripristinare le principali criticità che insistono sul versante franoso, ricostruendo le parti di carreggiata e i cigli stradali danneggiati.
Particolare attenzione verrà riservata alle opere di regimentazione e smaltimento delle acque meteoriche, sia superficiali che profonde, che costituiscono uno degli elementi cardine di innesco delle frane. Non solo agiamo sui ripristini, ma anche sulla prevenzione di fenomeni futuri. Nell’area è presente anche un’altra criticità ben nota, che riguarda la strada di c.da Sigismondi. In questo caso abbiamo affidato un incarico di progettazione e richiesto un contributo specifico alla Regione che speriamo possa avere esito positivo per procedere anche a quell’intervento.”

“Intervenire sulla viabilità e sulla manutenzione del territorio – è il commento del Sindaco, Armando Cunegato – è un’opera prioritaria per il nostro comune che, ricordo, è classificato come montano in toto. Garantire una buona condizione di percorribilità e dei fondi stradali, soprattutto quelli della viabilità periferica, significa assicurare una degna qualità di vita anche alle aree più decentrate dove tutt’oggi confermare la presenza residenziale è anche garanzia di un presidio del territorio che altrimenti andrebbe incontro ad ulteriori criticità sotto molteplici punti di vista.”

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button