mercoledì , 20 Ottobre 2021
Campagna Amica

Coldiretti Vicenza: consumatori a caccia di prodotti di qualità nei mercati di Campagna Amica

Consumatori a caccia di prodotti di qualità nei mercati di Campagna Amica.
Il presidente provinciale di Coldiretti Vicenza, Martino Cerantola: “ci è voluto del tempo, ma adesso possiamo dire che i cittadini consumatori hanno gli strumenti per poter scegliere. E la qualità vince sempre”.

“Ci è voluto del tempo, ma adesso possiamo dire che i cittadini consumatori hanno gli strumenti per poter scegliere. E la qualità vince sempre. Il percorso è stato lungo e complesso. Dal patto con il consumatore alle numerose battaglie per l’etichettatura, peraltro non ancora giunte a conclusione, per finire con le frodi agroalimentari e molto altro. Ma noi di Coldiretti non ci siamo mai arresi e continueremo a lottare per la salvaguardia del made in Italy e delle nostre imprese”. Con queste parole il presidente provinciale di Coldiretti Vicenza, Martino Cerantola, commenta la diffusione dei dati Istat sul calo del commercio al dettaglio a giugno 2021, con l’alimentare che cresce su base annua in valore del +2,5%.
Il risultato positivo delle vendite alimentari riguarda la grande distribuzione (+3,1%), mentre frenano le piccole botteghe (-0,6). Ma la pandemia ha accelerato quel processo di “deglobalizzazione” in atto da qualche tempo, alimentando interesse e voglia di “mangiare vicino”. Dal globale al locale inteso come il negozio di vicinato, come mercato rionale, ma anche quello contadino o direttamente in fattoria.
“I banchi gialli presenti nel territorio – commenta Raffaele Cogo, presidente di Campagna Amica Vicenza – sono sinonimo di sicurezza alimentare, di impegno sociale, di rispetto per il territorio e di tutela del paesaggio. Si tratta di un modello virtuoso, fonte di educazione alimentare, di guida ai consumi, fautore di una spesa critica a cui il consumatore guarda con attenzione”.
Caratteristiche che spingono il successo dei mercati di vendita diretta degli agricoltori di Campagna Amica che hanno incrementato le vendite del 26% secondo l’indagine Coldiretti/Ixe’, trainati da una nuova sensibilità degli italiani verso i cibi salutari ma anche dalla volontà di recuperare un contatto diretto con chi coltiva i prodotti che si portano in tavola. “L’emergenza Covid-19 – conclude Coldiretti – ha determinato un sensibile aumento del numero delle imprese agricole che praticano la vendita diretta e, di conseguenza, il fatturato di questo canale che, nel 2020, ha superato i 6,5 miliardi di euro secondo l’Ismea”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità