mercoledì , 20 Ottobre 2021
Caldo sos animali

Caldo, sos animali, in funzione docce e ventilatori nelle stalle vicentine

Il presidente provinciale di Coldiretti Vicenza, Martino Cerantola: “il benessere animale è per noi una priorità. Consentire agli animali di star bene significa pensare alla qualità del latte che producono ed alla loro dignità”

“Anche gli animali hanno una dignità. Nelle stalle vicentine le vacche, ma anche tutti gli altri animali, vivono in modo dignitoso e cerchiamo di garantire loro il migliore comfort possibile. In questi giorni di grande caldo, anche se le temperature non hanno raggiunto i livelli riscontrati in altre città italiane, abbiamo messo in funzione ventilatori e docce, per rinfrescare le stalle e consentire un benessere soddisfacente”. Con queste parole il presidente provinciale di Coldiretti Vicenza, Martino Cerantola, rasserena i consumatori vicentini, preoccupati degli effetti del caldo sugli animali nelle stalle.

Oltre agli uomini, senza dubbio, a soffrire il caldo sono anche gli animali nelle fattorie, dove sono entrate in funzione ventole e doccette per aiutare le mucche che stanno producendo fino al 10% circa di latte in meno rispetto ai periodi normali, a causa delle alte temperature.
“Se per gli animali domestici come cani e gatti è importante garantire sempre l’acqua e fare in modo che stiano al riparo dal sole ed in luoghi ben areati, per le mucche – sottolinea la Coldiretti – il clima ideale è fra i 22 ed i 24 gradi, mentre oltre questo limite gli animali mangiano poco, bevono molto e producono meno latte. Per questo sono già scattate le contromisure anti afa nelle stalle, dove gli abbeveratoi lavorano a pieno ritmo, perché ogni singolo animale è arrivato a bere con le alte temperature di questi giorni fino a 140 litri di acqua al giorno, contro i 70 dei periodi meno caldi. Nelle stalle sono entrati in funzione anche ventilatori e doccette refrigeranti per sopportare meglio la calura ed i pasti vengono dati un po’ per volta, per aiutare le mucche a nutrirsi al meglio senza appesantirsi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità