sabato , 11 Settembre 2021

ULSS 8 Berica – tampone entro 24 ore per chi rientra dai paesi europei a rischio

ULSS 8 Berica – tampone entro 24 ore per chi rientra dai paesi europei a rischio: una misura di prevenzione fondamentale per impedire la circolazione del virus.

Il tampone può essere fatto direttamente negli aeroporti e nei porti, oppure nei punti tampone dell’ULSS 8 Berica, gratuitamente

Di fronte all’incremento dei nuovi casi Covid in molti Paesi europei diventa fondamentale impedire che le vacanze all’estero di molti cittadini si trasformino in un’occasione di contagio, anche e soprattutto con il rischio di “importare” nuovi casi con varianti più contagiose o comunque più aggressive del virus.
Per questo motivo l’ULSS 8 Berica, coerentemente con le nuove misure intraprese dalla Regione Veneto, raccomanda a tutti i cittadini che rientrano dai Paesi europei che attualmente risultano più a rischio di effettuare un tampone, direttamente in aeroporto o in porto (se il viaggio avviene via aereo o nave), oppure nei punti tampone dell’Azienda entro 24 ore dal loro rientro in Italia.
La raccomandazione riguarda soprattutto chi arriva da Regno Unito, Malta, Spagna, Grecia, Slovenia, Croazia, Paesi Bassi, Belgio, Portogallo, Francia, Cipro, Lussemburgo, Romania e Bulgaria.

L’ULSS 8 Berica ricorda che il test è gratuito e il cittadino può scegliere la sede e la fascia oraria per lui più comoda.
Più in dettaglio, il punto tamponi del S. Bortolo è aperto dal lunedì al venerdì dalle 11.00 alle 19.00 e il sabato dalle 11.00 alle 13.00; quello di Arzignano dal lunedì al venerdì dalle 9.30 alle 12.00; quello di Noventa Vicentina dal lunedì dal venerdì dalle 11.00 alle 13.00; infine quello di Valdagno il lunedì, martedì, mercoledì e venerdì dalle 10.30 alle 13.00. Per effettuare il tampone non è necessaria l’impegnativa del medico e il cittadino può sia presentarsi direttamente, sia prenotarsi tramite il portale iCup, per una maggiore certezza dell’orario.

L’offerta del tampone gratuito per quanti rientrano da un viaggio all’estero, pur se all’interno dell’Unione Europa, si inserisce nell’ambito di una strategia più ampia messa in campo dall’ULSS 8 Berica con l’obiettivo di bloccare sul nascere possibili focolai, individuando precocemente i nuovi casi.
Nell’ultima settimana sono stati 11.916 i tamponi eseguiti dall’ULSS 8 Berica, oltre 900 in più rispetto alla settimana precedente.

«I cittadini – sottolinea il Direttore Generale Maria Giuseppina Bonavina – stanno accogliendo con senso di responsabilità il nostro invito a effettuare il tampone, anche attraverso la campagna di screening che stiamo portando avanti nelle piazze e nei supermercati. Auspico che quanti rientreranno dai Paesi europei a maggiore rischio dimostrino lo stesso senso civico: è fondamentale intercettare immediatamente eventuali casi positivi, soprattutto se provenienti da Paesi in cui le varianti risultano ampiamente diffuse. Il tampone è gratuito e per farlo bastano pochi minuti: un gesto semplice con il quale è possibile proteggere tutti i propri cari e contribuire a tenere basso il livello di contagi nella nostra comunità».

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità