sabato , 11 Settembre 2021

Riattivato il punto nascita nel nuovo ospedale di Asiago

Riattivato il punto nascita nel nuovo ospedale di Asiago, oggi l’inaugurazione alla presenza del Presidente della Regione del Veneto Luca Zaia, dell’Assessore regionale alla Sanità e ai Servizi Sociali Manuela Lanzarin e dei Sindaci dell’Altopiano.
La cerimonia è stata anche l’occasione per celebrare l’entrata in servizio del nuovo ospedale nel quale nei giorni scorsi sono stati completati i trasferimenti.

È di nuovo attivo, dalla giornata di oggi, il Punto Nascita di Asiago, all’interno del nuovo ospedale: è stato inaugurato oggi con una breve cerimonia alla presenza del Presidente della Regione Veneto Luca Zaia, dell’Assessore alla Sanità e ai Servizi Sociali Manuela Lanzarin e dei Sindaci dell’Altopiano, oltre alla Direzione dell’ULSS 7 Pedemontana.

Il nuovo Punto Nascita è collocato al piano terra e può contare su una dotazione che comprende una sala parto; due sale travaglio, una delle quali dotata anche di vasca per il travaglio in acqua; un’area degenza Materno Infantile con 6 posti letto in tre stanze da due letti ciascuna; 1 locale con 6 culle per neonati.
La dotazione organica prevede, per alcune figure sanitarie, una stretta integrazione con i professionisti che operano presso gli Ospedali di Bassano e Santorso (come per le ostetriche ed il pediatra), oltre alla presenza di un anestesista ed un ginecologo presente H24 tutti i giorni.

La riapertura del Punto Nascita segna così l’entrata in funzione a pieno regime del nuovo Ospedale di Asiago, dopo che nei giorni scorsi è stato completato il graduale trasferimento iniziato nel mese di marzo, rispettando così in modo rigoroso il cronoprogramma che era stato messo a punto dalla Direzione.
A questo proposito, dopo che la situazione epidemiologica aveva suggerito – nel mese di marzo – l’opportunità di procedere con l’entrata in funzione del nuovo ospedale senza una cerimonia pubblica di inaugurazione, l’evento di oggi è stato anche l’occasione per celebrare il completamento di un’opera di grande importanza per l’Altopiano dei sette Comuni, in grado di garantire standard tecnologici e di accoglienza sensibilmente superiori.

La struttura del nuovo ospedale
Frutto di un investimento complessivo di oltre 35 milioni di euro, la struttura si compone di un nuovo edificio principale disposto su quattro piani, di cui uno interrato, in linea con i più moderni standard tecnologici per quanto riguarda l’efficienza energetica e la sicurezza antisismica.
Più in dettaglio, nel piano interrato sono collocati le diagnostiche della Radiologia, il Pronto Soccorso, il gruppo operatorio con 2 sale operatorie, il laboratorio analisi, l’endoscopia digestiva, gli spogliatoi per il personale, la zona preparazione pasti con la mensa, l’obitorio, i magazzini ed i vani tecnici.
Il piano terra ospita invece il servizio di Dialisi e i reparti di Ortopedia e Chirurgia, l’area materno infantile con la sala parto d’emergenza e due sale travaglio ed un locale con culle per neonati.
Il piano primo è dedicato alla Riabilitazione con le palestre, mentre nel secondo piano è collocata la Medicina Generale.
Quindi una grande area diagnostica, una chirurgica, una riabilitativa e una di medicina.
Complessivamente i posti letto sono 104, mentre la superficie complessiva è di 20.250 mq.

I vantaggi per i pazienti e per gli operatori
Nel nuovo ospedale gli operatori sanitari possono contare su spazi più moderni e funzionali, che rendono più agevole il lavoro quotidiano, grazie anche alla collocazione delle aree dedicate al personale in posizione centrale rispetto alle degenze.
Altrettanto significativi sono i benefici per i pazienti, grazie ad un livello di confort nettamente superiore: tutte le stanze di degenza infatti prevedono la presenza solo di uno o due letti e sono dotate di servizi igienici, mentre gli arredi completamente nuovi rappresentano un netto salto di qualità.
Il nuovo ospedale, inoltre, porta con sè tutta una serie di importanti aggiornamenti tecnologici, tanto nelle apparecchiature per la diagnostica e l’assistenza ai pazienti, quanto nell’impiantistica.
Tra i vantaggi pratici degni di nota per l’utenza vi è anche l’incremento dei posti auto: quelli complessivamente a disposizione saranno ben 210, di cui 110 già disponibili sul lato ovest della struttura, ai quali si aggiungeranno ulteriori 100 posti auto che saranno ricavati in un secondo momento lungo i lati nord ed est della vecchia struttura.

Sostenibilità ambientale
In un contesto di pregio naturalistico come quello dell’Altopiano non poteva che essere massima l’attenzione per la sostenibilità ambientale nel progetto del nuovo ospedale, che infatti è dotato di tutte le più moderne tecnologie per l’isolamento termico e l’utilizzo esteso delle fonti di energia rinnovabili (fotovoltaico, solare termico per l’integrazione dell’acqua calda sanitaria, per la produzione di energia frigorifera e termica con sfruttamento di fonti rinnovabili).
Una particolare attenzione è stata posta anche alla riduzione degli sprechi di acqua, con l’utilizzo dell’acqua piovana per il risciacquo dei WC, grazie ad una speciale cisterna di raccolta installata sotto la copertura dell’edificio.
Anche l’impatto paesaggistico sarà ottimizzato, grazie all’impianto di alberi di specie autoctone, dunque adatte al clima del luogo, mentre il terreno ai piedi dell’edificio sarà coperto da un manto erboso con la presenza di una serie di arbusti di ridotte dimensioni.

NUOVO OSPEDALE DI ASIAGO: I NUMERI
Posti letto originari n. 120, ora portati a n. 104 a seguito della DGRV 614/2019, con posti letto così suddivisi:

Piano terra:
– posti letto ordinari di Chirurgia Ortopedica: n. 10 posti letto in 5 stanze da due letti;
– posti letto ordinari di Chirurgia elettiva multidisciplinare in regime ambulatoriale: n. 6 posti letto in n. 3 stanze da due letti;
– posti letto ordinari per area Materno Infantile: n. 6 posti letto in n. 3 stanze da due letti;
– posti letto ordinari per Pediatria: n. 2 posti letto in ambito dell’area del Pronto Soccorso al piano interrato;
Inoltre sono presenti al piano terra:
– sala parto d’emergenza e n. 2 sale travaglio;
– posti letto per attività diurna: n. 6 posti letto tecnici per dializzati distribuiti su tre stanze;
– n. 1 locale con n. 6 culle per neonati;

Primo piano:
– posti letto ordinari per il Recupero e Riabilitazione funzionale: n. 33 posti letto distribuiti in n. 14 stanze da due letti e n. 5 stanze da un letto;
– posti letto per la Riabilitazione Cardiologica: n. 7 posti letto distribuiti in n. 3 stanze da due letti ed 1 stanza da 1 letto.

Secondo piano:
– posti letto ordinari per la Medicina Generale: n. 40 posti letto distribuiti in n. 18 stanze da due posti letto e n. 4 stanze da un posto letto;
– posti letto ordinari per Ospedale di Comunità: n. 7 posti letto distribuiti in n. 3 stanze da due letti ed una stanza da un letto.

Altre dotazioni:
 Il piano interrato risulta destinato alle seguenti attività:
• Pronto Soccorso dotato di:
– N. 3 ambulatori chirurgici;
– N. 2 posti per Osservazione Breve Intensiva pediatrica;
– N. 4 posti per Osservazione Breve Intensiva;
– N. 1 sala gessi;
– N. 1 ambulatorio chirurgico ortopedico;
• Servizio Diagnostica per le Immagini, dotato di:
– N. 2 diagnostiche per immagini;
– N. 1 Tac;
– N. 1 RX dentale;
– Area ecografica;
– Mammografia;
• Gruppo operatorio dotato di:
– N. 1 sala operatoria ISO 5 per interventi ortopedici;
– N. 1 sala operatoria ISO 7 per interventi chirurgici;
– Aree risveglio, preparazione pazienti, spogliatori e locali accessori;
• Area di Endoscopia Digestiva;
• Laboratorio Analisi;
• Ambulatorio Oncologico;
• Area preparazione pasti e mensa;
• Servizio Mortuario dotato di n. 2 camere ardenti, locale osservazione salme e sala autoptica;
• Locali depositi, archivi, magazzini, locali tecnici, sale riunioni e studi medici;
• Area spogliatoi per il personale.

Dati dimensionali:
 Superficie complessiva: mq. 20.250
 Volume complessivo: mc 60.800,00

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità