sabato , 11 Settembre 2021
Postounico

Postounico 2021: VI Festival della Musica nei luoghi dell’Arte

Dal web al palcoscenico di Postounico: l’ascesa delle Ebbanesis.
Spopola on line e conquista dal vivo il duo napoletano composto da Viviana Cangiano e Serena Pisa, insieme protagoniste del settimo concerto della rassegna musicale.

Due voci sublimi e una chitarra, altro non serve. Nasce nel web il successo dello strepitoso duo musicale Ebbanesis composto da Viviana Cangiano e Serena Pisa. Giovedì 22 luglio (alle 21), a Villa Trissino di Meledo di Sarego, sono le protagoniste del settimo concerto della rassegna Postounico, Festival della musica nei luoghi dell’arte.

IL CONCERTO. Fenomeno mediatico con tanta sostanza musicale, dopo aver collezionato centinaia di migliaia di visualizzazioni, le Ebbanesis hanno conquistato la scena italiana. Nel loro repertorio si alternano intriganti rivisitazioni di classici della canzone napoletana e celebri pezzi rock, fino alla personale (e cliccatissima) versione di Bohemian Rhapsody dei Queen.
Sintesi di tanta maestria è Transleit, titolo dello spettacolo-concerto proposto alla rassegna Postounico e dell’album registrato nell’auditorium Novecento di Napoli. Regine della napoletanità dalla presenza scenica luminosa, sono state ospiti fisse su Rai Tre nel programma Qui e adesso di Massimo Ranieri. La loro pagina è seguita da oltre 150mila follower da ogni parte del mondo: dalla Francia alla Germania, dalla Russia agli Emirati Arabi. Paesi in cui si sono esibite anche dal vivo, raccogliendo applausi a scena aperta.
In caso di maltempo il concerto si terrà sotto la barchessa di Villa Trissino.

IL LUOGO. Villa Trissino fu commissionata al Palladio dai fratelli Francesco e Ludovico Trissino, figure di primo piano dell’aristocrazia vicentina. Iniziata nel 1553, avrebbe dovuto essere la più grande e imponente villa del vicentino, come menzionato da Palladio nei Quattro libri dell’Architettura. Del grandioso progetto restano parte del muro di cinta, la torre e le barchesse.

23 LUGLIO 2021
In cammino con Dante nella Valle dei mulini di Calto
Omaggio al Sommo Poeta, nel settimo centenario dalla morte, per l’ottavo concerto della rassegna Postounico. Evento in anteprima con la voce narrante di Anderloni

Un evento speciale, in anteprima per la rassegna itinerante Postounico. L’ottavo concerto del Festival della musica nei luoghi dell’arte è un cammino poetico-musicale che venerdì 23 luglio ripercorre le tre cantiche della Divina Commedia risalendo la suggestiva Valle dei Mulini di Calto, a Villaga. Voce narrante, guida, interprete dei canti sarà Alessandro Anderloni che da vent’anni si dedica a Dante e alla Commedia, di cui conosce e interpreta più di trenta canti a memoria.

IL CONCERTO. Anderloni ha creato un percorso poetico in tre tappe (Inferno, Purgatorio e Paradiso) scandite da altrettanti contrappunti musicali. Nella prima, la “selva oscura” all’ingresso della valle, sarà Thomas Sinigaglia con la sua fisarmonica a evocare le strida, i lamenti, le imprecazioni dell’Inferno. Nel cuore della valle, accanto al ruscello che scende dall’alto, a evocare l’incontro di Dante e Casella sulla spiaggia del Purgatorio, ci saranno invece Elena Bertuzzi al canto e la liutista vicentina Ilaria Fantin. Nell’alto della valle, accanto alle pale dei mulini, il pubblico sarà portato in Paradiso con l’arpa classica di Elena Guarino.
In caso di maltempo l’evento si svolgerà nella chiesa parrocchiale di Pozzolo.

IL LUOGO. Lo spettacolo si terrà in tre repliche (alle 18, 19.30 e 21), risalendo la suggestiva valle, dal borgo di Calto attraverso i mulini Ciàche e Bampo, Isetto, Cattani fino al mulino Beta. Le performance avverranno in tre tappe lungo il percorso. Cammino e spettacolo avranno durata di un’ora e dieci circa, più il ritorno di un quarto d’ora. Il cammino è agevole, si consigliano scarpe da trekking. Non è possibile la partecipazione a persone con disabilità motorie.

28 LUGLIO 2021
Dal palcoscenico di Villa San Fermo Patrizia Laquidara attraversa l’Italia
Una delle voci più intense e liriche della nuova musica d’autore italiana è ospite, mercoledì 28 luglio a Lonigo, della rassegna musicale itinerante Postounico

Inafferrabile, poliedrica, brillante: Patrizia Laquidara è una delle voci più intense e liriche della nuova musica d’autore. Mercoledì 28 luglio (alle 21) è ospite della rassegna Postounico, il Festival della musica nei luoghi dell’arte.

IL CONCERTO. Accompagnata dal suo quintetto, nel progetto Canzoni si muove leggera: a tratti è dolce e sinuosa, a volte impetuosa e dirompente, nel repertorio cantautoriale del Novecento italiano. Siciliana di nascita e veneta d’adozione, ha conquistato prestigiosi riconoscimenti, come il Premio Tenco con l’album C’è qui qualcosa che ti riguarda.
Sul palcoscenico di Villa San Fermo di Lonigo attraversa l’Italia con brani che incontrano la sensibilità e il linguaggio poetico di Endrigo e Tenco, che maturano nella rivoluzione promossa da De Andrè, Guccini e Battisti; che passano dai gruppi beat degli anni Sessanta e arrivano al rinascimento che tra gli anni Settanta e Ottanta ha portato la cultura musicale italiana ai massimi splendori.
Laquidara si tuffa nel repertorio di questo concerto restituendo con poesia e giocosità le storie e le emozioni che abitano l’immaginario musicale popolare italiano e che ne raccontano la storia, l’educazione sentimentale, la cronaca sublimata in poesia popolare. Lo fa viaggiando attraverso la canzone moderna, assieme ad eccellenti musicisti che entrando in risonanza con la sua voce e con il suo repertorio, si spostano da sonorità eteree ed evocative ad altre potenti, quasi “muscolari” e sostenute, reinterpretando con rispettosa giocosità, a volte in maniera unica e inusuale, canzoni che fanno parte ormai del nostro immaginario sonoro.
In caso di maltempo l’evento si svolgerà al Teatro Comunale di Lonigo.

IL LUOGO. Risale al X secolo l’insediamento di monaci benedettini sul colle sopra Lonigo. Nell’Ottocento i principi Giovanelli trasformarono questo convento in una villa, con il monumentale Ingresso dei Fiumi, gli eleganti chiostri, le maestose scalee, la preziosa Sala Rossa e la chiesa di San Fermo.

LA RASSEGNA. Ideato nel 2016 dal Comune di Lonigo con il suo Teatro Comunale e la direzione artistica di Alessandro Anderloni, Postounico è un viaggio musicale itinerante a tappe che si snoda quest’anno nei territori di Lonigo, Alonte, Arzignano, Cologna Veneta, San Bonifacio, Sarego, Val Liona e Villaga grazie alla collaborazione delle Amministrazioni comunali coinvolte. Il Festival è patrocinato da Regione Veneto, Provincia di Vicenza e Provincia di Verona. Sponsor sono Rino Mastrotto Group, Fabbrica Italiana Sintetici, Autovega, La Barchessa di Villa Pisani, Trixie.

INFO. Ingresso: € 10. Biglietteria del Teatro Comunale di Lonigo (Piazza Matteotti, 1 – Lonigo) fino al 7 agosto e dal 23 al 30 agosto nei giorni lunedì e sabato dalle 9 alle 13. Prenotazioni on line a festival@postounico.it fornendo nome e cognome di ciascun partecipante. Per ulteriori informazioni: 0444.720241 (nei giorni feriali dalle 9 alle 13) e festival@postounico.it.

Postounico 22 luglio 2021
Postounico 22 luglio 2021
Postounico 23 luglio 2021
Postounico 23 luglio 2021
Postounico 28 luglio 2021
Postounico 28 luglio 2021

POSTOUNICO2021

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità