Economia

E’ nata la nuova BVR Banca

E’ nata la nuova BVR Banca
Dal 1 luglio nasce ufficialmente una nuova realtà territoriale dalla fusione tra Banca Alto Vicentino e Cassa Rurale ed Artigiana di Vestenanova.
In carica il nuovo Consiglio di amministrazione. Nella prima seduta il Presidente Salomoni Rigon fa il punto sui dati aggiornati a giugno 2021 della nuova realtà.
Nasce la nuova BVR Banca- Banche Venete Riunite. Convocato il 1 luglio a Schio nella sede della nuova realtà il primo Consiglio di Amministrazione dopo la firma degli atti che hanno ufficializzato tutti i passaggi della fusione tra Banca Alto Vicentino e Cassa Rurale ed artigiana di Vestenanova.

Il nuovo Consiglio che amministrerà la Banca nei prossimi 3 anni di mandato è composto da 10 membri: 7 eletti all’interno della compagine scledense (Roberto Benazzoli, Antonio Martello, Simone Paiusco, Luca Pangrazio, Maurizio Salomoni Rigon, Ivana Zamperetti e Renato Zanoni) e 3 provenienti dalla compagine veronese (Edo Dalla Verde, Andrea Fracasso e Michele Tessari).
Nel Collegio Sindacale entrano Maurizio Cecchinato (Presidente), Fabrizio Benetti, Enzo Pietro Drapelli (supplenti Fabio Panozzo e Paola Tosi). Oltre al Presidente già nominato Maurizio Salomoni Rigon, è stato eletto Vicepresidente nel corso del primo CdA il Vicario Edo Dalla Verde, che andrà ad affiancare il già eletto Renato Zanoni.
La Direzione è affidata a Roberto Rigato, già Direttore generale di Banca Alto Vicentino, che sarà affiancato dai Vice Giovanni Iselle, attuale Direttore generale della Cassa Rurale ed artigiana di Vestenanova e Daniela Pesavento, già Vice di Banca Alto Vicentino.
La nuova Banca avrà sede legale e amministrativa a Schio, conterà 37 filiali, 182 dipendenti e oltre 5.300 soci. La zona di competenza territoriale comprenderà 116 comuni (105 nella Regione Veneto tra le province di Vicenza e Verona ed i restanti 11 nella Provincia di Trento).
La nuova BVR Banca è qualificata come Banca di 1^ Classe (la migliore su 4 classi di merito) del Gruppo Cassa Centrale Banca con un CET 1 Ratio, ovvero il più importante indice di solidità di un istituto di credito, che si attesta ad un ragguardevole 25,4%.
“Questi dati sono motivo di orgoglio per tutti noi – commentano i neo eletti amministratori della nuova realtà- e devono rappresentare per la nostra clientela degli indicatori di massima fiducia verso il nuovo Istituto”.
C’è di più. “I dati aggregati delle due BCC a giugno 2021 sul dato di fine 2020 ci consentono di fare un primo bilancio in attesa degli sviluppi che potremo avere nel medio periodo- commenta il Presidente Maurizio Salomoni Rigon. L’economia mostra segnali di decisa ripresa nel nostro territorio, come attestano le nostre masse amministrate, che complessivamente aumentano del 5,4% a quota 2,143 miliardi di euro. La raccolta diretta sfiora i 970 milioni di euro e aumenta del 4,6%, mentre quella indiretta cresce di oltre 50 milioni di euro, in ripresa del 10,8%. Lo sviluppo della raccolta gestita supera i 48 milioni di euro, aumentando del 12,3%.
Anche i conti correnti attivati nella nostra BCC crescono dell’1,5% rispetto al dato di fine anno e questo è un chiaro segnale di fiducia della clientela e del territorio verso il percorso che abbiamo scelto e la credibilità che abbiamo costruito nel tempo- continua Salomoni- attivando tutti gli strumenti tecnici, operativi e di indirizzo che oggi ci descrivono come una banca dinamica, in salute, efficiente e solida patrimonialmente”.
“Aumentano anche gli impieghi vivi- conferma il Vicepresidente Edo Dalla Verde- confrontando i dati complessivi delle due BCC rispetto a 6 mesi fa. L’impegno per il sostegno al territorio da parte della Banca sfiora i 655 milioni di euro (+ 2,7%). I settori trainanti per le nuove erogazioni di credito concesse nel territorio di competenza della nuova BVR Banca sono l’attività manifatturiera (40% delle erogazioni), le famiglie consumatrici (25% delle erogazioni concesse), il commercio al’ingrosso e al dettaglio insieme alle riparazioni dei veicoli (7%), le costruzioni (6%) e il settore agricoltura (5%). La capacità di servire il territorio e di creare volano per la ripresa sarà resa possibile anche dal nuovo assetto organizzativo post fusione, che garantirà servizi ancor più efficienti per soci e clienti”.
“Decolla anche il credito riferito ai lavori di manutenzione degli edifici con l’efficacia del Superbonus 110%- concludono. Un chiaro segnale sia da parte vicentina che da parte veronese che l’economia è ripartita e le imprese hanno voglia di investire, scommettendo sul futuro”.

E’ nata la nuova BVR Banca
Il CdA BVR Banca

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button