sabato , 11 Settembre 2021
Nuovo ospedale di Arzignano-Montecchio Maggiore

Nuovo ospedale di Arzignano-Montecchio Maggiore

Si stanno completando gli impianti e scegliendo i colori del nuovo ospedale di Arzignano-Montecchio Maggiore.

Oggi la dott.ssa Maria Giuseppina Bonavina, Direttore Generale dell’ULSS 8 Berica, e i sindaci del Distretto Ovest hanno visitato il cantiere, dove i lavori proseguiranno anche in agosto

Continuano a ritmo serrato i lavori nel cantiere del nuovo ospedale di Arzignano-Montecchio Maggiore: dopo che già da alcuni mesi le opere strutturali sono state ultimate, ora l’attività si concentra sugli impianti e sulle pareti interne.

Per quanto riguarda i primi, si stanno già completando gli impianti meccanici, elettrici e per la distribuzione dei gas medicali.

Parallelamente si sta procedendo nella definizione e suddivisione degli spazi interni, mediante pareti in cartongesso: quest’ultima soluzione è uno standard negli ospedali di nuova generazione, in quanto consente una maggiore flessibilità futura rispetto ad eventuali diverse esigenze, con interventi di demolizione e ricostruzione molto più veloci, economici e meno impattanti sugli ambienti limitrofi.

Con questo criterio, si stanno già completando le opere in cartongesso delle aree di degenza nei piani 1, 2, 3 e 4, mentre nel piano terra si è già nella fase di rifinitura dell’area di ingresso. Altri lavori sono in corso anche nel piano seminterrato, in particolare nell’area del Pronto Soccorso e dell’OBI (Osservazione Breve Intensiva).

Ma il nuovo ospedale inizia a prendere forma anche per quanto riguarda il suo aspetto visivo: è infatti in corso di approvazione il “piano colori”, ovvero la caratterizzazione cromatica dei diversi reparti e aree dell’ospedale che aiuterà l’utente ad orientarsi all’interno della nuova struttura.
Con una media di oltre 50 operai presenti ogni giorno (ma il numero varia molto in funzione delle lavorazioni da svolgere, anche nell’ottica di evitare assembramenti), i lavori proseguiranno anche nei mesi estivi, dunque senza la tradizionale pausa di agosto.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità