Veneto

Dal 25 al 27 giugno a Lonigo (VI) il meeting Regionale della Protezione Civile

Dal 25 al 27 giugno a Lonigo (VI) il meeting Regionale della Protezione Civile. Bottacin, “importante momento di confronto”

La cittadina di Lonigo, nell’area del parco Ippodromo, ospiterà dal 25 al 27 giugno p.v. il Dodicesimo Meeting regionale della Protezione Civile con l’obiettivo di consolidare le interrelazioni tra i volontari e le istituzioni collegate al Sistema di Protezione Civile.
“Si tratta di una bella opportunità di confronto – spiega l’assessore alla Protezione Civile Gianpaolo Bottacin – che permetterà di intensificare rapporti già esistenti, ma anche di crearne di nuovi”.
Durante la manifestazione, ad ingresso libero, sono diverse le attività previste, a iniziare da un convegno, previsto nel pomeriggio di venerdì 25 giugno, a cui parteciperanno esponenti del Dipartimento nazionale della Protezione Civile, della Regione Veneto e del Corpo nazionale dei Vigili del Fuoco.
L’inaugurazione ufficiale, cui prenderà parte anche l’assessore regionale Bottacin, si terrà invece sabato 26 giugno mattina e ad essa seguiranno molteplici iniziative con diversi corsi curati dalla Regione, tra cui un corso formativo per volontari tenuto con docenti dell’OGS sulla percezione sismica e uno per i sindaci sull’uso del portale Supporto PC Veneto.
All’interno del contesto del Meeting sono previsti inoltre degli spazi per le istituzioni e per le aziende di settore, al fine di proporre nuove attrezzature e strumenti utili alle operazioni di Protezione Civile, per gestire sempre al meglio gli eventi calamitosi. La Regione sarà presente con uno stand collegato al rischio sismico e in particolare al progetto Armonia; sarà inoltre in esposizione anche l’elicottero regionale dedicato alle emergenze di antincendio boschivo.
Le attività proseguiranno con ulteriori corsi, esercitazioni e iniziative varie fino al tardo pomeriggio di domenica.
“In un periodo particolare come quello che abbiamo vissuto – conclude l’assessore – è certamente importante ritrovarsi per approfondire esperienze e conoscenze. Per me poi sarà anche l’occasione per esprimere ancora una volta tutto il mio ringraziamento ai nostri magnifici volontari veneti che durante questi ultimi quindici mesi hanno donato alla collettività oltre 250mila giornate lavorative per l’emergenza coronavirus, senza dimenticare anche quanto hanno fatto negli altri eventi collegati al maltempo, che non sono certamente mancati”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare...
Close
Back to top button