martedì , 27 Luglio 2021
Fabbricare Salute

Fabbricare Salute: un progetto del Raggruppamento Alto Vicentino di Confindustria Vicenza

“I progetti finanziati dagli Industriali saranno dedicati al miglioramento delle prestazioni sanitarie” – Fabbricare salute.

È stato firmato venerdì 30 maggio il protocollo che dà il via al fondo Fabbricare Salute, un progetto del Raggruppamento Alto Vicentino di Confindustria Vicenza che, grazie alla collaborazione operativa della Fondazione di Comunità Vicentina per la Qualità di Vita Onlus, riceverà da medici e dirigenti sanitari dell’Ospedale di Santorso la proposta di progetti da finanziare.

“Non si tratta, però, di sopperire a spese ordinarie che competono ad altri, ma opereremo solo dove il nostro contributo porterà un reale valore aggiunto, ovvero per far arrivare a Santorso strumenti e servizi unici nel territorio. Si tratta di un impegno a fronte di progetti che migliorano nel concreto le prestazioni sanitarie e per questo si finanzieranno singoli progetti sulla base di quando richiedono coloro che eseguono le cure e che verranno seguiti dall’inizio alla fine. Il tutto, ovviamente, sempre in coordinamento con la Direzione Sanitaria”, spiega Pietro Sottoriva, Presidente del Raggruppamento Alto Vicentino di Confindustria Vicenza.

È stato quindi creato un fondo vincolato allo sviluppo del sistema socio-sanitario ed ospedaliero dell’Alto Vicentino la cui ratio deriva dall’esperienza avuta durante le prime campagne di raccolta fondi in occasione del primo lockdown che ha visto imprenditori ed aziende rappresentate dal Raggruppamento Alto Vicentino di Confindustria Vicenza elargire contributi sul cui utilizzo però non vi è stata la possibilità di indirizzare e verificare l’utilizzo. Il fondo sarà quindi strumento per recuperare efficienza, eccellenza ed immagine del nosocomio di Santorso.

“Abbiamo costituito questo fondo affinché le risorse possano essere dirette al miglioramento del servizio che ricevono le persone – sottolinea Sottoriva – e non certo per poter coprire necessità amministrative della Pubblica Amministrazione, per cui tutti noi già versiamo ingenti tasse. L’aiuto dei privati verso l’ospedale, che in questi anni, silenziosamente, non è mai venuto meno, è stato ora messo a sistema anche per ristorare i cittadini dell’Alto Vicentino dei sacrifici a cui sono stati sottoposti a causa della scelta di fare di Santorso un Covid-hospital a beneficio di tutta l’area Pedemonatana, oltre che di alcune scelte precedenti che hanno spostato da quest’area del Vicentino di alcuni servizi”.

Il fondo solidale vincolato, costituito inizialmente tramite una donazione effettuata dal Raggruppamento Alto Vicentino di Confindustria Vicenza all’interno della Fondazione di Comunità Vicentina, è aperto anche a contributi di privati verrà gestito e curato da un comitato di gestione composto, oltre che da Sottoriva, dagli imprenditori Antonio Spillere (in rappresentanza del CdA della Fondazione QuVi), Silvia Marta, Vania Sperotto e Marco Zuccato.

“In questo modo – conclude il Presidente del Raggruppamento – il progetto si propone di raggiungere un doppio obiettivo: migliorare la sanità per una cittadinanza di 180mila abitanti e contribuire rendere il polo di Santorso un centro d’eccellenza confacente ai migliori medici e sanitari che potranno scegliere di venire a svolgere il proprio prestigioso lavoro di cura e ricerca proprio qui. La salute, assieme a istruzione e lavoro, sono i tre pilastri di una società sana che vuole pensare al futuro. Sono se ci sono tutti e tre si potrà avere uno sviluppo importante anche nel mondo dell’impresa, altrimenti l’Alto Vicentino rischierà di perdere terreno, diventando uno degli ultimi vagoni del treno anziché essere, come è oggi, locomotiva”.

La costituzione del fondo è solo una tappa del lavoro sui singoli progetti che è già operativo da mesi e che avrà ulteriori sviluppi già nel mese di maggio: “Contiamo, entro circa un mese – conclude -, di presentare già il primo progetto per dare concretezza immediata all’impegno per cui ringrazio gli imprenditori e dalla Fondazione che rappresenta una parte sana e svincolata da campanilismi di questo territorio”.

80x80 logo Vicenzareport

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità