sabato , 11 Settembre 2021

Comune e Confesercenti: Vicenza la città che vorrei

“Vicenza la città che vorrei”, firmato il protocollo d’intesa tra Comune e Confesercenti

Comune di Vicenza e Confesercenti hanno siglato oggi il protocollo d’intesa “Vicenza la città che vorrei tra presente, passato e futuro” che impegna i due enti ad attuare alcuni progetti.

A firmare il protocollo c’erano oggi in sala Stucchi il sindaco Francesco Rucco e il presidente di Confesercenti Vicenza Flavio Convento.
Era presente anche l’assessore alle attività produttive Silvio Giovine.

“Confesercenti riunisce tanti commercianti e si rivela sempre più un punto di riferimento per l’amministrazione comunale tanto che la collaborazione diventa costante e fondamentale in particolare in questo e periodo complesso. Il confronto è sempre stato essenziale per alcune decisioni volte ad agevolare il mondo del commercio. Il protocollo d’intesa mira a perseguire alcuni risultati – sottolinea il sindaco Francesco Rucco-. Sul fronte dell’organizzazione dei mercati abbiamo sperimentato positivamente l’utilizzo di viale Roma per la distribuzione dei banchi, chiudendo la strada al traffico, garantendo così il distanziamento e la sicurezza”.

“Con la sottoscrizione di questo importante protocollo con Confesercenti prosegue il confronto costruttivo con le categorie – è intervenuto l’assessore alle attività produttive Silvio Giovine -. Grande attenzione sarà dedicata al mondo degli ambulanti, particolarmente complesso e che anche per questo motivo merita particolare attenzione. La collaborazione nasce anche per valorizzare le Botteghe storiche e prossimamente riceveranno il riconoscimento alte otto attività. Ci impegneremo per promuovere la cultura digitale, sempre più importante anche per le piccole attività. Inoltre implementeremo il protocollo con le edicole sottoscritto lo scorso anno a cui tanti cittadini fanno riferimento”.

“Credo nell’importanza della collaborazione, lavorare assieme all’amministrazione Comunale di Vicenza diventa fondamentale per dare un valore aggiunto alla città di Vicenza” – ha dichiarato Flavio Convento presidente Confesercenti Vicenza.

Tramite il protocollo, Confesercenti si impegna a sostenere l’accordo sottoscritto con le edicole della città per migliorare e completare i servizi che l’amministrazione può fornire ai cittadini. 19 punti vendita offrono assistenza ai cittadini con poca dimestichezza con le nuove tecnologie e i servizi web per accedere anche servizi offerti dal Comune (Informazioni: https://www.comune.vicenza.it/cittadino/scheda.php/50552,255527).

Inoltre entrambe le parti cercheranno di diffondere la cultura digitale per l’impresa promuovendo uno sportello di consulenza dedicato alla digitalizzazione d’impresa nell’ambito del progetto già avviato dall’associazione “La Bottega del futuro”. In tal senso Confesercenti realizzerà un Digital innovation hub (sportello digitale d’impresa) all’interno dei propri uffici.

La valorizzazione delle Botteghe storiche di Vicenza, iscritte nell’albo comunale, avverrà attraverso la definizione di un prodotto turistico commerciale come per esempio itinerari in città che raggiungano anche le botteghe.

Verranno promosse iniziative con il coinvolgimento di commercianti ed esercenti del centro e dei quartieri nell’ambito del Distretto del Commercio. Tra queste “Una sedia per viaggiare” e “Bell’Italia”, che porterà prodotti enogastronomici in piazza dei Signori, prevista dal 21 al 23 maggio e dal 29 al 31 ottobre.

Per rilanciare l’immagine dei mercati rionali e delle fiere saranno proposti strumenti innovativi di promozione e incentivazione. Confesercenti vuole avviare il progetto “Se vive il mercato vive la piazza” con la creazione di una mappa promozionale dei mercati che elenchi orari e merceologie.

Infine si cercherà di sensibilizzare contro lo spreco alimentare i commercianti alimentari, della ristorazione e i pubblici esercizi.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità