Provincia

Vicenza: in preparazione per celebrare il sesto centenario dell’apparizione della Vergine Maria a Monte Berico

Prima apparizione della Madonna a Monte Berico, si costituisce la struttura organizzativa per le celebrazioni per il centenario del 7 marzo 2026

Per celebrare il sesto centenario della prima apparizione della Vergine Maria a Monte Berico, il Comune di Vicenza costituirà una struttura organizzativa che promuoverà una serie di attività con l’obiettivo di far conoscere la storia del Santuario cittadino dedicato alla Madonna e il suo rapporto profondo non solo con la città, ma anche con il territorio vicentino.

Sarà anche l’occasione per valorizzare il turismo religioso-culturale che risulta in costante espansione – senza considerare ovviamente il periodo di crisi che stiamo vivendo a causa della pandemia – che si esprime sia in forma di esperienza spirituale sia come desiderio di godere della bellezza artistica e culturale dei luoghi ci culto.

In anni cui Vicenza stava vivendo una terribile pestilenza, il 7 marzo 1426 a Monte Berico la Madonna apparse per la prima volta a Vincenza Pasini chiedendole di farsi interprete delle sue volontà nei confronti delle amministrazioni religiosa e civile. L’1 agosto 1428 Maria apparve di nuovo a Vincenza e finalmente le autorità ascoltarono le parole della donna:  il 15 agosto posero la prima pietra del Santuario e la peste diminuì fino a scomparire del tutto.

Da quel momento in poi si sviluppò un rapporto simbiotico tra i fedeli vicentini e il Santuario che divenne meta di pellegrinaggi.

“Inizia nel 2021 il percorso che ci condurrà a celebrare la ricorrenza del 7 marzo 1426, quando la Vergine Maria apparve per la prima volta a Vincenza Pasini – dichiara Valter Casarotto,  consigliere delegato alle funzioni di studio e sviluppo di progetti e attività correlate alle celebrazioni, per il VI centenario della prima apparizione della Madonna a Monte Berico -.

Quest’anno istituiremo un Comitato istituzionale con funzioni di rappresentanza e di indirizzo, un Comitato scientifico con funzioni di studio degli aspetti culturali, storici, sociali, economici e religiosi e un Comitato esecutivo che si occuperà dell’attuazione degli indirizzi del comitato istituzionale. Una volta istituita la struttura organizzativa, cercheremo di attingere ai fondi a disposizione dal 2022 per il turismo religioso, che ci potrebbero consentire di intervenire per restaurare i portici che raggiungono il santuario e le “Scalette di Monte Berico”, oltre che per valorizzare il Museo annesso alla Basilica e strutturare un percorso spirituale che parta dalla casa di Vincenza Pasini a Sovizzo. L’intenzione, quindi, è quella di dar vita ad un percorso strutturato che culminerà con le celebrazioni religiose previste in occasione del 7 marzo 2026 con l’obiettivo di far da volano alla ripresa economica e sociale non solo di Vicenza ma anche del territorio”.

Santuario della Madonna di Monte Berico Santuario della Madonna di Monte Berico

80x80 logo Vicenzareport

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button