sabato , 19 Giugno 2021

Riaprono le Gallerie d’Italia a Palazzo Leoni Montanari

Intesa San Paolo: dal 27 aprile riaprono le Gallerie d’Italia – Palazzo Leoni Montanari a Vicenza.

• visitabili le Collezioni permanenti e la mostra temporanea “Futuro. Arte e società dagli anni Sessanta a domani” prorogata fino al 27 giugno 2021

Martedì 27 aprile 2021 riaprono le Gallerie d’Italia – Palazzo Leoni montanari a Vicenza. La prenotazione durante i giorni feriali è consigliata, mentre è obbligatoria il sabato e nei giorni festivi attraverso il sito www.gallerieditalia.com. Le visite si svolgono secondo le misure previste, tra cui ingressi scaglionati e contingentati e la misurazione della temperatura con termoscanner.

Fino al 27 giugno sarà possibile vedere la mostra temporanea “Futuro. Arte e società dagli anni Sessanta a domani”: una riflessione di straordinaria attualità sul concetto di ‘futuro’ attraverso le visioni dell’arte, dagli anni ’60 – decennio del boom economico, della crescita demografica, dell’ottimismo e del consumismo che nell’arte si traducono nell’era pop e nell’esplosione dei fenomeni giovanili -, fino a una società che si è trovata a vivere contemporaneamente il cambio di un secolo e di un millennio, attesi con grandi aspettative e alcune paure.
L’esposizione presenta circa cento opere di artisti italiani e internazionali come Boccioni, Fontana, Christo, Boetti, Rotella, Warhol, Lichtenstein, Rauschenberg, Schifano, Hirst, provenienti da importanti collezioni private e dalla collezione Intesa Sanpaolo.

Saranno inoltre visitabili gli spazi interni ed esterni del meraviglioso palazzo barocco e le collezioni permanenti al piano nobile: oltre ai trenta dipinti del 700 veneto – testimoni dell’ultima, splendida stagione della Serenissima.
Con l’intento di valorizzare la collezione Intesa Sanpaolo di ceramiche attiche e magnogreche (V-III secolo a.C.) e allo stesso tempo di rendere omaggio allo spirito narrativo della decorazione ad affresco di Palazzo Leoni Montanari, realizzata tra il XVII e il XVIII secolo, il palazzo presenta nelle sale rivisitate del piano nobile anche un nucleo di venti vasi – selezionati dagli oltre 500 che formano la collezione di ceramiche attiche e magnogreche di Intesa Sanpaolo -, fra cui la famosa kalpis attica del Pittore di Leningrado del V secolo a.C..

80x80 logo Vicenzareport

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità