giovedì , 15 Aprile 2021
Pavan - Spano

Bassano: progetto “Sportelli per l’assistenza familiare”

Anche il Comune di Bassano del Grappa, ente capofila del Comitato dei Sindaci del Distretto 1 dell’Azienda Ulss 7 Pedemontana, ha aderito al progetto sperimentale della Regione denominato “Rilevazione e sostegno della fase di avvio degli Sportelli per l’assistenza e del Registro regionale degli assistenti familiari”.
Oggi la presentazione ufficiale dell’iniziativa alla presenza del sindaco di Bassano, Elena Pavan, di numerosi sindaci e assessori dei Comuni interessati, e del direttore dei Servizi Socio Sanitari dell’Ulss 7 Pedemontana, Pierangelo Spano, che ha portato i saluti del Direttore, Generale Carlo Bramezza.

Nello specifico il progetto prevede:

– la realizzazione e l’apertura di Sportelli per l’Assistenza Familiare al fine di offrire alle famiglie e alle persone che necessitano di un supporto assistenziale, servizi qualificati di informazione ed orientamento, favorendo l’incontro tra domanda e offerta.

– un’attività di supporto agli aspiranti assistenti familiari (badanti) per l’iscrizione al Registro Regionale delle assistenti familiari, finalizzato a garantire il possesso delle competenze e conoscenze necessarie per lo svolgimento dei compiti di cura.

DESTINATARI
II progetto, destinato a tutti i cittadini residenti nel Distretto 1 dell’Ulss 7 Pedemontana, è rivolto, da una parte, alle famiglie che necessitano di un supporto assistenziale qualificato per il loro familiare; dall’altra alle assistenti familiari che hanno esperienza nell’ambito della cura di persone anziane e/o disabili.

FINALITA’
Oltre al sostegno delle famiglie nell’assistenza delle persone anziane, il progetto ha come finalità anche quella di favorire la permanenza dell’anziano nel proprio ambiente familiare e sociale, evitando il ricovero improprio in una struttura residenziale e riducendo in questo modo anche le liste di attesa.
Gli sportelli dislocati nel territorio del Distretto 1 saranno 5 (Asiago, Bassano del Grappa, Marostica, Romano e Rosà) che verranno gestiti dalla Cooperativa “La Goccia” di Marostica e aperti dal lunedì al sabato.

COSTI DEL PROGETTO
Il progetto è finanziato con 35mila euro, in quota parte stanziati dalla Regione (15 mila euro) e per il resto, 20 mila euro, stanziati da tutti i 23 comuni del Distretto 1.

I cittadini potranno accedere allo Sportello prescelto indipendentemente dal Comune di Residenza (purché residenti nei comuni del Distretto1), previo appuntamento da concordare telefonicamente con l’operatore della Cooperativa.
Il progetto prevede anche un’attività di monitoraggio e verifica da parte dell’operatore della Cooperativa con l’ausilio di visite domiciliari.

Gli sportelli apriranno giovedì 8 aprile 2021 e la fase sperimentale del progetto si concluderà nel mese di febbraio 2022.

«Quello che presentiamo oggi – ha spiegato il sindaco, Elena Pavan – è un progetto importante per il territorio, perché assicura l’incontro di domanda e offerta, garantendo alle famiglie professionalità in grado di prendersi cura dei loro cari più fragili».

«Sono felice di tenere a battesimo la nascita di questi sportelli – ha commentato il neo direttore dei Servizi Socio Sanitari dell’Ulss 7 Pedemontana, Pierangelo Spano – perché possono incidere su un aspetto delicato della vita di molte famiglie, a cui negli ultimi anni è stato chiesto di prendersi cura dei propri cari, diventando anche datori di lavoro.

Con questi sportelli, adesso, viene data una risposta adeguata ad un processo complesso e dinamico come quello della terza età».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità