Altopiano di AsiagoEconomia

Altopiano di Asiago: 6 milioni di euro il valore del progetto LIFE VAIA

Un ampio partenariato, con capofila Rigoni di Asiago, ottiene i fondi per un progetto di riforestazione e agroforestazione a favore dei territori colpiti dalla tempesta VAIA. Il progetto LIFE VAIA coniuga produzione alimentare e miglioramento degli ecosistemi forestali, prevista entro aprile la firma dell’accordo di finanziamento per quasi 6 milioni di euro, dei quali circa 3,5 in Veneto.

6 milioni di euro il valore del progetto LIFE VAIA, che cofinanziato dal programma LIFE dell’Unione Europea, coinvolge un partenariato di aziende e istituzioni internazionali, con capofila la famosa impresa alimentare dell’altopiano Rigoni di Asiago. Sono in tutto 10 i partner che partecipano alle attività di progetto: Agenzia Veneta per l’Innovazione nel Settore Primario (ex Veneto Agricoltura), Università di Padova – Dipartimento Territorio e Sistemi Agro-Forestali (TESAF), Fondazione Edmund Mach, Comune di Asiago, Comune di Gallio, Association Française d’Agroforesterie (AFAF, Francia), World Biodiversity Association (WBA), Fiera Longarone Dolomiti, Università di Santiago di Compostela (Spagna) e Venetian Cluster.

L’impatto di VAIA è stato durissimo sulle aree montane del Nord Est e ancora oggi ne vediamo i segni; l’obiettivo è liberarci dalla desolazione della spaventosa distesa di alberi caduti che ci impressionò nel 2018, a favore di una vita nuova del territorio, ecologica e di sviluppo socioeconomico rispettoso dell’ambiente.

Il progetto permetterà infatti di sviluppare prodotti e servizi per recuperare le superfici boschive distrutte da eventi metereologici estremi, rinforzandone l’ecosistema. Molte le attività innovative proposte, tra cui: la ricostituzione del manto forestale con specie e varietà vegetali più adatte al clima attuale e futuro, l’introduzione di coltivazioni biologiche temporanee, in particolare di mirtillo e altri piccoli frutti selvatici, la valorizzazione delle produzioni apistiche; il tutto attraverso un uso sostenibile delle risorse.

Venetian Cluster, azienda che ha coordinato la progettazione, scrittura e presentazione della proposta, ha sottolineato l’importanza del progetto LIFE VAIA come caso studio per la ricostituzione dei boschi distrutti, soprattutto a fronte del cambiamento climatico in atto.

Il presidente Gian Angelo Bellati ha commentato così la notizia: “È un grande risultato soprattutto se teniamo conto di quanto saranno importanti per i prossimi decenni le politiche ambientali in ambito europeo.

È un contributo molto importante per affrontare i cambiamenti climatici, il tema della riduzione dell’anidride carbonica e per perseguire più in generale gli obiettivi del Green Deal europeo, con partner importanti a livello locale, nazionale e anche internazionale. Si tratta solo del primo passo di ulteriori progetti europei che stiamo definendo per il prossimo futuro.”

LIFE VAIA (Valuing Afforestation of damaged woods with Innovative Agroforestry) dà al territorio l’opportunità non solo di riparare i danni subiti, ma anche di diventare un esempio di valorizzazione sostenibile delle risorse naturali per una futura migliore qualità e resilienza dei boschi europei.

Vaia

 

 

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button