Spaccio anche ai tempi del coronavirus. Due in manette

Valdagno – Ieri pomeriggio, i carabinieri del nucleo operativo della Compagnia di Valdagno, nel corso di un servizio antidroga, hanno pizzicato due spacciatori mentre cedevano della marijuana a due ragazzi valdagnesi, uno dei quali era anche minorenne. I militari, che da qualche tempo stavano monitorando gli spostamenti e le attività dei due, hanno potuto osservare la cessione dello stupefacente, avvenuta nel parco pubblico vicino al Palalido di Valdagno, e sono quindi intervenuti, bloccando spacciatori e clienti.

E’ così che sono finiti in manette A.P., cinquantacinquenne di Cornedo, disoccupato, già noto alle forze dell’ordine, e il 22 ennne K.D., italiano, residente a Recoaro Terme e disoccupato. I due sono stati trovati in possesso di 35 grami di marijuana, già suddivisa per la vendita e confezionata in involucri di cellophane, oltre a 60 euro in contanti e ad un bilancino di precisione. I due ragazzi valdagnesi che l’avevano comprata invece erano un diciannovenne ed un sedicenne.

Dopo le perquisizioni e i sequestri, i carabinieri hanno arrestato i due responsabili dello spaccio di stupefacenti e denunciato a piede libero tutti e quattro, per violazione dell’articolo 650 del Codice Penale, trovandosi tutti fuori casa senza una valida ragione. Anche i due due spacciatori, su disposizione della autorità giudiziaria, sono poi stati rimessi in libertà in attesa dell’udienza di convalida.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità