Breaking News

Coronavirus, arrivate le misure drastiche

Vicenza – “In queste ore stiamo cercando di comprendere quale sia il modo più giusto per applicare il decreto del presidente del Consiglio dei Ministri emanato oggi che per quanto riguarda Vicenza, provincia non considerata zona rossa, conferma le prescrizioni già annunciate nei giorni scorsi con in più l’obbligo di tenere chiusi i musei”. A parlare così è il sindaco di Vicenza Francesco Rucco, prendendo atto dei contenuti del nuovo decreto del governo per il contenimento della diffusione del coronavirus. Come è noto il decreto prevede la “chiusura” delle zone rosse, identificare nell’intera Lombardia e in molte province del nord Italia, comprese le venete Padova, Venezia e Treviso.

“Cercheremo – continua il sindaco – di dare indicazioni più chiare possibili anche ai nostri concittadini che per vari motivi necessitano di spostarsi anche nelle zone rosse a noi vicine, Padova, Treviso e Venezia e la Lombardia, per citarne solo alcune. Naturalmente vale per tutti la regola di limitare più possibile gli spostamenti non strettamente necessari, perché tutti dobbiamo essere responsabili al fine di contenere il contagio e creare meno disagi possibili alla popolazione, in particolare alle persone più fragili”.

“Rimane consentito quindi – conclude Rucco -, se strettamente necessario, spostarsi per lavoro, per motivi di salute o tornare al proprio domicilio se si è lontani da casa.  In queste ore sono in contatto con la Regione Veneto, la prefettura e con i sindaci della provincia di Vicenza in modo da rispettare nel modo migliore le indicazioni del governo. Per quanto riguarda il mondo del lavoro il decreto spiega che i datori di lavoro sia pubblici che privati, se possibile, dovrebbero promuovere l’utilizzo di periodi di congedo ordinario o di ferie”.

Dato che il decreto del governo si presta, giocoforza, a varie interpretazioni in alcuni suoi punti, a dare una mano è intervenuto il sottosegretario all’Interno ed ex sindaco di Vicenza Achille Variati con un lungo post su Facebook nel quale dà indicazione utili ad amministratori locali e cittadini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *