Basta morti sul lavoro! Un’ora di sciopero

Vicenza – Basta morti sul lavoro. A ribadirlo sono Cgil, Cisl e Uil di Vicenza, all’indomani dell’ennesima morte sul lavoro dalle nostre parti. I sindacati vicentini hanno infatti proclamato un’ora di sciopero nel giorno del funerale del dipendente della Salvagnini, deceduto ieri durante delle operazioni di carico merci, schiacciato da un muletto. In alternativa, lo sciopero potrebbe interessare l’ultima ora di lavoro per i giornalieri o il proprio turno di lavoro per i turnisti. Il fine è quello di sensibilizzare l’opinione pubblica, la Regione e le controparti sulla sicurezza sui posti di lavoro.

“Mentre attendiamo l’esito delle indagini che sono ancora in corso – spiegano Cgil, Cisl e Uil di Vicenza -, riteniamo necessario e doveroso promuovere una fermata in tutti i luoghi di lavoro, per responsabilizzare tutte e tutti rispetto ad un dramma che continua a ripetersi, quello delle tante e troppe vittime innocenti sui luoghi di lavoro, tragedie che portano infinito dolore e che producono danni all’insieme della società.

Riguardo alla sicurezza, i sindacati rinnovano le loro richieste, che sono:

  • Investimenti nei luoghi di lavoro
  • Maggiore formazione delle lavoratrici e dei lavoratori
  • Maggiori controlli sul rispetto delle normative
  • Potenziare gli Spisal per aumentare l’attività di prevenzione
  • Azioni per una cultura della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro
  • Fare formazione agli studenti in sicurezza e salute nei luoghi di lavoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità