Basket, vittoria sulla sirena per Schio contro Sesto

Schio – Un Famila Wuber Schio non bellissimo, ma bravo a mantenere la concentrazione nelle fasi più delicate della gara ha conquistato la vittoria (70-68) contro l’Allianz Geas Sesto San Giovanni. Come da disposizioni della Fip anche questa gara, andata in scena ieri sera al PalaRomare e inserita nel 23esimo turno della serie A1 di basket femminile, si è giocata a porte chiuse. Dopo aver accumulato un vantaggio in doppia cifra (42-31), le scledensi non hanno saputo ampliare questo solco ed hanno subito il recupero delle rossonere lombarde.

Il fulmineo affondo di Gruda apre la contesa delle 20, 2-0. Poi Schio sciupa due possessi e il Geas ne approfitta per mettere il naso avanti, 2-4. Keys infila una due canestri (una conclusione pesante ed un piazzato) e il Famila si riporta in testa, 7-4. A ripianare la situazione ci pensa Oroszova, che impatta, 7-7. Sul 10-7, le lombarde costruiscono un break di 8-0, che le fa balzare a +5, 10-15. Dotto ed Harmon tengono il Famila in scia, ma le ragazze di coach Cinzia Zanotti, riescono a mantenere un seppur minimo vantaggio fino alla prima sirena, 18-20.

Capitan Arturi inaugura i suoi primi minuti sul parquet con la tripla del +5, 18-23. Conclusione che dà la scossa alle arancioni: Dotto suona la carica (tre palloni rubati e due contropiedi in solitaria) e Cinili (implacabile con i piedi dietro l’arco) la segue e in breve tempo Schio ribalta il risultato, 30-23. Le scledensi tengono il pallino del gioco, ma non riescono a scrollarsi di dosso le avversarie, il cui passivo rimane sotto le dieci lunghezze: il quarto va infatti in archivio sul 37-28.

Con i canestri di Harmon e Dotto, ad inizio ripresa, il vantaggio di Schio raggiunge la doppia cifra, 42-31. La performance delle padrone di casa non è impeccabile: 14, fino ad ora, le palle perse dalle arancioni, che in attacco concedono troppi tiri aperti alle avversarie. Pian piano, infatti, Sesto si riavvicina, 53-51. Prima della sirena Andrè e Rodriguez vanno a bersaglio, rimpolpando lo scarno tesoretto scledense, 57-51.

Il Geas, coriaceo e molto determinato, agguanta la parità al quarto minuto dell’ultimo periodo, 59-59. Il match procede con le due squadre a braccetto: 61-61, 64-64 e 68-68, con soli 23 secondi da giocare. Doppio time out di coach Vincent per organizzare al meglio l’ultimo possesso. Le arancioni sfruttano tutto il tempo a loro disposizione e, all’ultimo secondo, Harmon trova il canestro del +2, 70-68. Doppio minuto di sospensione anche per Sesto, ma alla ripresa del gioco i 3 decimi rimasti non sono sufficienti per un tiro: al PalaRomare finisce 70-68 per Schio.

Schio: Keys 7, Rodriguez 8, Cinili 8, Gruda 14, Chagas, Fassina ne, Andrè 8, Dotto 11, Battisodo, Carollo ne, Harmon 14

Sesto San Giovanni: Zampieri, Arturi 3, Botteghi ne, Verona 17, Crudo, Oroszova 14, Williams 13, Panzera 2, Ercoli 2, Brunner 17

Ilaria Martini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità