Università, fine lavori  entro l’estate

Vicenza – Ancora pochi mesi e il cantiere dell’università, a Vicenza, sarà concluso. Giusto in tempo perché la Provincia di Vicenza possa consegnare l’intero complesso del polo universitario alla Fondazione Studi Universitari che lo potrà utilizzare per il prossimo anno accademico. Il cronoprogramma è stato illustrato questa mattina durante un sopralluogo  al cantiere di viale Margherita, al quale hanno partecipato il al presidente della Provincia, Francesco Rucco, la vicepresidente Maria Cristina Franco, il consigliere provinciale con delega all’edilizia scolastica Cristina Balbi e il presidente della Fondazione Studi Universitari Silvio Fortuna. A fare da guida Andrea Turetta, ex dirigente della Provincia che ha seguito il progetto, il direttore dei lavori Andrea Leonardi e il responsabile del procedimento Giacomo Oliviero.

L’edificio, progettato dal noto architetto Adolfo Natalini, recentemente scomparso, contiene aspetti di notevole pregio architettonico. Al piano terra si contano 3 aule da 250 persone e una da 330. Al primo piano 8 aule e laboratori, al secondo e ultimo piano laboratori e sale di servizio. Ogni stanza è dotata di controsoffitto con pannelli ad alto assorbimento acustico e illuminazione a led. Il tetto è ventilato interamente realizzato in legno e con copertura in alluminio, la facciata è ventilata in materiale ceramico e presenta un brevetto internazionale che la rende autopulente e fotocatalitica, capace cioè di ripulire l’aria inquinata. Degne di nota anche le balaustre interne e i parapetti delle due grandi scalinate in lastre di vetro trasparenti, che danno agli spazi interni  caratteristiche di leggerezza e grande profondità.

I lavori attualmente in esecuzione riguardano le sistemazioni esterne, alcune finiture interne e  l’impianto di raffrescamento e ricambio aria. Si stanno inoltre eseguendo sul fabbricato accorgimenti tecnici, tra cui la fibra ottica per le connessioni, suggeriti dalla Fondazione e recepiti dalla Provincia che renderanno gli ambienti scolastici all’avanguardia, con l’obiettivo di far attestare il polo di Vicenza tra le sedi con i più altri standards di tecnologia didattica nel panorama dell’università italiana.

“Siamo il primo dipartimento di ingegneria d’Italia – ha messo in evidenza Fortuna – tanto che il Ministero ci ha assegnato otto milioni di euro per la ricerca avanzata nel campo dei materiali e delle attività sostenibili. Realizzeremo un laboratorio di informatica da 100 postazioni, tra i più grandi d’Europa. I corsi universitari che proponiamo sono in linea con quanto richiede il mercato del lavoro, con il risultato che siamo leader in Europa per l’occupazione: i nostri ingegneri trovano lavoro entro un mese dalla laurea e anche per i laureati in economia la prospettiva è simile”.

“Una volta completato anche questo secondo edificio ha detto da parte sua Rucco – Vicenza avrà a disposizione un polo universitario moderno, confortevole, in grado di rispondere da un lato ai giovani che vengono qui a formarsi, dall’altro agli imprenditori che cercano qui nuova linfa per le loro aziende. Fatta l’università, sarà necessario lavorare a Vicenza città universitaria, per dare risposte concrete in termini di ricettività e servizi ad una popolazione studentresca sempre più numerosa.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità