Breaking News

Carnevale di Vicenza, il 22 febbraio sfilata di carri

Vicenza – Cinque carri mascherati, realizzati per Vicenza dagli abili artigiani di Malo, sfileranno in centro storico nel pomeriggio di sabato 22 febbraio e raggiungeranno Campo Marzo dove la festa proseguirà fino alle 20. E’ il Carnevale di Vicenza, spettacolo per grandi e bambini con musica e quattro gruppi mascherati che faranno da corollario ai coreografici carri. Il carro più grande misura 8 metri di larghezza e 2,80 di altezza, mentre gli altri carri hanno le dimensioni di 3 metri per 2. Ciascun gruppo mascherato sarà composto da circa 25 persone. L’iniziativa è coordinata dall’assessorato al turismo con la partecipazione del Carnevale di Malo e della ProMalo.

La sfilata dei carri partirà da piazza Matteotti alle 15, mentre, sempre alle 15.30, da piazza San Lorenzo prenderà il via la sfilata dei gruppi mascherati con le Majorettes e la banda di Malo che si uniranno ai carri all’incrocio tra corso Palladio e corso Fogazzaro. Alle 16 la sfilata arriverà a Campo Marzo dove i partecipanti saranno accolti dal gruppo di batucada brasiliana Combo Chinotto. Dalle 16.30 la festa sarà animata dai Los Locos, nell’esedra di Campo Marzo dove si proseguirà dalle 18 alle 20 con il dj set di dj Andryx e il Qún. Per consentire lo svolgimento della manifestazione è prevista la chiusura temporanea di viale Roma.

Il Carnevale sarà arricchito dalla presenza degli studenti del Centro di formazione professionale Victory di Vicenza con il Truccabimbi. Inoltre gli studenti saranno a disposizione anche per truccare gli adulti e per proporre acconciature per tutte le età. Il Victory, nella nuova sede in viale San Lazzaro, forma minori in età di obbligo scolastico e adulti. Inoltre è Università della bellezza che propone formazione di alto livello in tutte le discipline della bellezza, per professionisti.

Lo storico Carnevale di Malo, che porterà a Vicenza una ventata di allegria, giunge quest’anno alla 96esima edizione. La prima sfilata ufficiale, infatti, risale al 1924 e fin da subito è diventata un’attrattiva turistica del Comune vicentino tramutandosi presto in una tradizione particolarmente sentita fino all’apertura di una scuola laboratorio per apprendere l’arte della cartapesta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *