Breaking News

Ancora un pari per il Lane. 0-0 con la Virtus Verona

Vicenza – Ancora un pareggio per il Vicenza, che ha ricevuto oggi allo stadio Menti la visita della Virtus Verona, non andando oltre lo 0-0. E’ stata una partita all’insegna delle occasioni sprecate per i biancorossi, che collezionano così il terzo pareggio consecutivo, dopo quelli con il Gubbio e la Vis Pesaro. Si assottiglia quindi il vantaggio sulle inseguitrici per la capolista Lane, ancora comunque sopra di cinque punti sul Carpi, vittorioso oggi sul Piacenza, ed in attesa del risultato, di Reggiana-Arzignano Valchipampo, il posticipo di domani.

Dicevamo delle occasioni sprecate… Non sono state poche in effetti, a cominciare da un rigore sbagliato da Marotta. L’inizio di partita del Vicenza è stato piuttosto scoppiettante, cosa che, sebbene non abbia prodotto occasioni da gol clamorose, ha autorizzato i tifosi a ben sperare. E la conferma è arrivata al 35’ quando l’arbitro ha indicato il fischietto del rigore dopo l’atterramento in area veronese di Vandeputte.

Si incarica di tirare il penalty Marotta, ma il suo tiro, pur angolato, è debole e il portiere riesce a respingere. Un errore che pesa perché sembra condizionare la squadra, apparsa poi più nervosa ed imprecisa per tutto il resto del primo tempo.

La prima frazione di gioco si conclude comunque senza scosse e senza particolari pericoli per entrambe le porte. Nella ripresa si vede scendere in campo un Vicenza determinato, ma anche una Virtus che non sembra voler lasciare spazi e che si difende con ordine ed efficacia.

Un’occasione come poche capita al 13’ sui piedi di Nalini, molto ben servito da Vandeputte. Il suo tiro è forte ma non preciso. Al 33’ arriva l’illusione del gol: c’è un bel cross di Capelletti sul quale Saraniti gira al volo e la mette in rete. Si alza però la bandierina del guardalinee e l’arbitro non convalida per il fuorigioco dell’attaccante  biancorosso. L’assalto del Vicenza alla rete della Virus continua poi fino al fischio finale, ma il risultato non cambia…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *