Alonzo King Lines Ballet al Comunale di Vicenza

Vicenza – Una prima nazionale, in esclusiva regionale, di una delle più affermate compagnie statunitensi, l’Alonzo King Lines Ballet, è in programma con il prossimo appuntamento della stagione di danza del Teatro Comunale di Vicenza. Martedì 25 febbraio, alle 20.45, saranno in scena due creazioni, diverse per ispirazione e contesto narrativo, accomunate dall’importanza della partitura musicale: “Händel” e “Common Ground”.

La prima è costruita elaborando l’eleganza drammatica dell’espressione barocca in un brano che echeggia profondamente il valore nobile della musica e la sua capacità di trasfigurarsi, attraverso il movimento dei corpi dei danzatori, mentre la seconda è stata ideata sulla base della musica di alcuni quartetti di giovani musicisti invitati a comporre nell’ambito del progetto Kronos Fifty for the Future.

L’invito è giunto dal Kronos Quartet di San Francisco, eccellenza culturale della città statunitense, per esaltare e celebrare (oltre che farle conoscere alle giovani generazioni) la danza e la musica d’archi. Lo spettacolo è inserito nella programmazione di Danza in Rete Festival Vicenza-Schio 2020 e sarà preceduto, alle 20, al Ridotto, dall’Incontro con la Danza, a cura di Maria Luisa Buzzi, giornalista, studiosa e critico di danza, direttore di Danza&Danza.

L’Alonzo King Lines Ballet è stato fondato a San Francisco nel 1982 dal coreografo che dà il nome all’ensemble, artista multiculturale e sfaccettato: la compagnia statunitense è presente nelle stagioni e nei festival più importanti a livello internazionale, universalmente celebrata per l’elaborazione di un linguaggio creativo ricercato, sospeso tra purezza neoclassica e intensità della danza afroamericana.

Il primo dei due brani in programma al Comunale di Vicenza, “Händel” coreografia di Alonzo King, musiche di Georg Friedrich Händel e di Leslie Stuck, è stato ripreso dal Lines Ballet nel 2018. Esplorando il mondo musicale del compositore barocco, il coreografo crea una composizione in grado di restituire il perfetto equilibrio tra la ricchezza tematica della polifonia e la semplicità della voce unica, e così le linee essenziali ed eleganti dei danzatori lasciano trasparire la perfetta sintesi compositiva elaborata da Händel.

Nella seconda coreografia, “Common Ground”, arrangiamenti musicali del Kronos Quartet, musiche di  Yotam Haber, Aleksander Kosciów, Trey Spruance, Merlijn Twaalfhove, Alonzo King si associa al quartetto d’archi per celebrare ancora una volta il felice connubio di musica e danza. Il “terreno comune” a cui il titolo di questo recente lavoro allude, propone un inno alla città che ospita le due fucine creative e che nutre il reciproco fermento artistico.

Prima dell’ensemble, sarà proposto al pubblico “Embracing” di Giovanni Napoli, interpretato da Cosmo Sancilio, nell’ambito del Progetto Supporter, brevi esibizioni di giovani promesse della danza, selezionate da critici ed esperti. La coreografia, in prima regionale, è dedicata all’abbraccio, un gesto apparentemente meccanico, talvolta di circostanza, solo da pochi vissuto intensamente. I biglietti sono in vendita anche online sul sito www.tcvi.it.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità