A Vicenza raid vandalici e spaccate notturne

Da Raffaele Colombara, consigliere comunale di opposizione, a Vicenza, riceviamo e pubblichiamo…

*****

Vicenza – Un disarmante bollettino di guerra. In questi giorni stiamo assistendo ad una serie di raid vandalici con rotture dei finestrini delle auto in sosta per rubare qualche spicciolo senza fine. Un’emergenza seria che sta toccando tutti i quartieri della nostra città. In questi termini non si era mai visto a Vicenza. Come reagisce la muscolare amministrazione Rucco, che, ricordiamolo, aveva promesso di liberare in quattro e quattr’otto la città dal degrado e dalla violenza? Con l’ironia!

Riguardo al furto ai danni di una professoressa alla quale, oltre a rompere il finestrino, hanno sottratto le verifiche degli studenti, il sindaco ha ironizzato dichiarando che “Sarà stato qualche alunno”. Un’ironia che sinceramente fa poco ridere, ma ci dice in che mani siamo. Perché l’ironia, forse, la potremmo accettare se fosse accompagnata da parole e, soprattutto, azioni, che dimostrassero consapevolezza della questione e determinazione nel porre in atto soluzioni.

Ma così non è. Finora, in quasi due anni, solo un bollettino di chiacchiere, molte promesse, ma zero fatti concreti; e così la sensazione dei vicentini è quella di essere sempre più abbandonati. Anziché ridere tanto, Rucco inizi a trattare questo argomento con gli strumenti disponibili a chi si dovrebbe definire Sindaco di una città: attivi il turno notturno della Polizia Locale e attivi maggiori controlli.

C’è bisogno inoltre di un grosso lavoro per potenziare l’illuminazione dei nostri quartieri, molti dei quali hanno ancora zone completamente al buio.
Rucco la smetta di fare il cabarettista ed inizi a lavorare sul serio, oppure vada a casa. Dove sono finiti i grandi proclami della campagna elettorale Vicenza merita di più.

Raffaele Colombara – Consigliere comunale – Comune di Vicenza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità