Vicenza, auto abbatte la balaustra. 5152 euro di multa

Vicenza – Si è chiarita nel giro di qualche ora la vicenda dell’abbattimento della balaustra in pietra del piazzale della Vittoria di Monte Berico. Il danneggiamento è stato provocato dall’incauta manovra di una ragazza che si trovava al volante dell’auto, ma non aveva la patente.

Sarà l’assicurazione della vettura a risarcire il Comune, mentre per la giovane è scattata una multa di 5.152 euro per guida senza patente e mancato controllo del veicolo.

E’ stata la polizia locale a fare luce sui fatti, grazie al numero di targa della vettura e alle immagini della telecamera di videosorveglianza presente in zona. L’auto è risultata appartenere a una ragazza di 26 anni residente a Vicenza, ma domiciliata a Brescia.

Rintracciata e informata dei fatti, la giovane ha indicato in un 28enne, di origine pakistana residente in città, l’amico a cui aveva lasciato in uso il mezzo. Contattato a sua volta, quest’ultimo ha raggiunto il comando per chiarire la sua posizione e quella della ragazza, risultata la responsabile del danneggiamento.

In sostanza, verso le 2 della scorsa notte il giovane è arrivato sul piazzale alla guida dell’auto. Con lui c’erano due amiche. Il 28enne è sceso dal veicolo con una delle ragazze, lasciando la chiave in macchina. Poco dopo l’altra ragazza, una diciannovenne di origine libica residente in città, priva di patente, si è messa alla guida dell’auto e ha cominciato ad effettuare alcune manovre sul piazzale.

Con l’intento di parcheggiare, si è diretta verso gli amici, premendo accidentalmente l’acceleratore anziché il freno. A quel punto il ragazzo, come risulta anche dalle immagini della videosorveglianza, ha tentato invano di fermare il mezzo, che ha concluso la sua corsa contro le colonnine in pietra della balaustra.

Ascoltato il racconto, confermato da entrambi, la polizia locale ha fatto scattare per la ragazza una multa di 5.152 euro per guida senza patente e mancato controllo del veicolo; il giovane è stato invece sanzionato (398 euro) perché, avendo in disponibilità l’uso del mezzo, l’ha concesso a una persona non patentata. Il veicolo è stato sottoposto a fermo amministrativo per 4 mesi.

Le prime verifiche compiute da Aim Amcps hanno messo in evidenza la necessità di sostituire almeno sei delle colonnine in pietra della balaustra e forse anche lo stesso parapetto superiore. L’intervento di ripristino sarà eseguito in accordo con la Soprintendenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità