Breaking News

Recoaro, due ragazzi arrestati per spaccio

Recoaro Terme – Due ragazzi appena maggiorenni sono stati arrestati, sabato sera, dai carabinieri della stazione di Recoaro Terme, per spaccio di sostanze stupefacenti. Un terzo giovane è stato denunciati ed altri due segnalati come assuntori. Tutto è cominciato quando una pattuglia dell’Arma ha fermato, a Recoaro, un’auto condotta da un diciottenne recoarese, C.A., già noto alle forze dell’ordine per attività connesse agli stupefacenti.

Christian Franco
Christian Franco

A bordo con lui c’erano anche una ragazza appena maggiorenne e il ventenne Christian Franco, anche lui di Recoaro, tutti noti  assuntori di sostanze psicotrope. I carabinieri hanno deciso di perquisire sia l’auto che gli occupanti, trovando sui passeggeri modiche dosi di hashish e marjiuana, mentre il conducente C.A. aveva con sè 11,5 grammi di marjiuana ed un coltello a serramanico.  Si è passati quindi alla perquisizione dell’abitazione di Franco, a Recoaro, dalla quale i tre giovani erano usciti poco prima.

Emanuele Menti
Emanuele Menti

Nell’appartamento erano presenti un diciottenne valdagnese, Emanuele Menti, coinquilino di Franco, e una ragazza di 19 anni, anche loro trovati in possesso di modiche quantità di hashish e marijuana. In camera da letto però c’era una piccola serra artigianale per la coltivazione della cannabis, con lampade, ventilatori, fertilizzanti, tre piante, e 110 grammi di marjiuana già confezionata. Trovati anche 86 grammi di hashish e due dosi di speed, diversi grinder, bilancini di precisione, materiali per il confezionamento dello stupefacente.

Si è così proceduto all’’arresto di Christian Franco ed Emanuele Menti, posti ai domiciliari e, all’udienza di oggi pomeriggio, presso il Tribunale di Vicenza, condannati ad otto mesi di reclusione e mille euro di multa. Denunciato a piede libero invece il conducente dell’auto, C.A., sia per il possesso ai fini di spaccio dello stupefacente che per il porto del coltello,  mentre le due ragazze sono state segnalate alla Prefettura di Vicenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *