A 100 all'ora in centro. Automobilista rintracciato grazie alle immagini delle telecamere

Bressanvido, auto sfreccia in centro a 100 all’ora

Bressanvido – Sfreccia in centro a 100 chilometri orari, ha un incidente, ma nonostante questo non si ferma e continua la sua corsa. E’ accaduto a Bressanvido, in pieno giorno: un episodio che è costato al conducente di una Audi A4 540 euro di sanzioni e 11 punti in meno sulla patente.

I fatti sono avvenuti mercoledì 22 gennaio; mancavano pochi minuti alle 13 quando, nell’immettersi in via Roma da via Bettinardi, una Volkswagen Golf è entrata in collisione con una Audi A4. Questa vettura stava percorrendo la strada provinciale ad alta velocità e, dopo l’impatto, ha rischiato di ribaltarsi in mezzo al traffico di auto e pedoni presenti in zona in quel momento.

Dopo lo scontro l’Audi non si è fermata: ha continuato per la sua strada, allontanandosi a gran velocità, in direzione di Pozzoleone. Una pattuglia della polizia locale del distaccamento di Sandrigo del Consorzio Nordest vicentino ha raggiunto il luogo dell’incidente e constatato che la conducente della Golf non aveva riportato gravi lesioni.

Dopo l’incidente, grazie alle immagini raccolte dalle telecamere di videosorveglianza urbana presenti in zona, gli agenti sono risaliti alla targa del veicolo datosi alla fuga, rintracciandolo a Thiene. La visione dei filmati, inoltre, è servita anche per ricostruire la dinamica dell’episodio e per stimare la velocità dell’Audi al momento dello scontro, stabilita in circa 100 chilometri orari.

A carico del conducente dell’A4, come detto, sono state elevate sanzioni per 540 euro e decurtati 11 punti sulla patente, nonostante la dinamica del sinistro lo avrebbe visto dalla parte della ragione se avesse mantenuto una velocità corretta e non si fosse dato alla fuga per motivi ancora da precisare.

“Questo evento, che solo fortunatamente non ha avuto gravi conseguenze – ha commentato il sindaco di Bressanvido, Luca Franzè – , ha dimostrato l’efficienza nella puntuale e sinergica azione tra la polizia locale e l’amministrazione comunale. Utilizzando l’importante risorsa della videosorveglianza è stato possibile procedere in tempi rapidi all’avvio dell’indagine e delle relative procedure, a riprova che Bressanvido rimane un territorio sicuro e controllato”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità