lunedì , 14 Giugno 2021

Vicenza, si demolisce edificio in via Napoli

Vicenza – Nuova vita per l’ex magazzino cittadino delle ferrovie e tramvie vicentine, in via Napoli. L’edificio, in evidente e avanzato stato di degrado, verrà demolito per lasciare spazio ad un parcheggio a servizio dell’area. Lo ha deciso la Provincia di Vicenza, proprietaria dello stabile, dopo anni di inutilizzo che hanno reso l’edificio fatiscente e a rischio crolli, con evidente pericolo per i passanti della vicina sede stradale.

Il progetto è stato presentato questa mattina da Francesco Rucco, sindaco di Vicenza e presidente della Provincia. Con lui, Carlo Dalla Pozza, consigliere provinciale con delega al patrimonio, Marco Zocca, consigliere comunale di Vicenza, e Massimo Colombara, commerciante della zona in rappresentanza della categoria. L’immobile era adibito, in passato, a “sottostazione convertitrice” per il ricovero e la manutenzione dei mezzi di trasporto su rotaia in uso sul territorio vicentino, negli anni ’40 e ’50. Sono evidenti, come dicevamo, i segni di un dissesto statico generalizzato derivanti dal parziale crollo del cornicione di gronda (posto in sicurezza) e, in particolare, a seguito del recente collasso della struttura portante del tetto.

“Il crollo parziale del manto di copertura – si legge in una nota della Provincia – ha inoltre permesso l’ingresso di piccioni che hanno aumentato esponenzialmente la presenza di guano, rendendo l’area igienicamente insalubre. La modifica della struttura portante complessiva, conseguenza dei crolli subiti, ha compromesso l’intero equilibrio statico del manufatto, richiedendo la necessità di porre in sicurezza tutta la struttura dei muri perimetrali e degli elementi che sporgono nella pubblica via. Viste le condizioni, il recupero dell’edificio è pressoché da escludere, per il costo ingente, tanto più che un vecchio accordo tra la Provincia e il Comune di Vicenza prevedeva la demolizione dell’immobile per destinare l’area a parcheggio, con recupero della volumetria esistente in area più adeguata. Quell’accordo è scaduto nel 2018, ma rimane la destinazione a verde privato di progetto dell’intera area del manufatto”.

La Provincia ha quindi deciso di procedere con la realizzazione del parcheggio e, dopo aver tentato invano di vendere l’area mediante asta pubblica, provvede oggi in maniera diretta sia alla demolizione dell’edificio che alla realizzazione del parcheggio. Contestualmente viene destinata parte dell’area all’allargamento della strada, in modo tale da portarne la larghezza uguale a quella esistente nel tratto immediatamente a sud dell’edificio da demolire. In totale si ipotizza  di ricavare undici posti auto. I lavori verranno realizzati a inizio 2020.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità