Breaking News

Cornedo, migliora la viabilità ciclo pedonale

Cornedo Vicentino – Lavori stradali in programma a Cornedo Vicentino. Da domani, 10 dicembre, si interviene infatti sulla passerella ciclo pedonale in località Tommasoni e sul ponte ciclo pedonale in corrispondenza di via Budrion, entrambi parti del percorso ciclo pedonale presente lungo il torrente Agno. Il costo complessivo dell’intervento è di 73 mila euro. I lavori inizieranno con il ponte dei Tommasoni per proseguire, poi, con il ponte di via Budrion. Tempo permettendo, il tutto dovrebbe concludersi prima delle festività Natalizie. La circolazione sarà sospesa durante i lavori.

“Si tratta – ha precisato l’assessore ai Lavori Pubblici Angelo Frigo – di una manutenzione straordinaria per la sostituzione della attuale pavimentazione in legno ammalorata con una nuova in acciaio corten. Le condizioni climatiche dovute alla vicinanza del torrente, in particolare l’umidità costante, ci hanno spinto a valutare un diverso materiale, l’acciaio corten appunto, in grado di conservare le caratteristiche nel tempo. Nello specifico, i lavori consistono nella rimozione integrale dei tavoloni in legno presenti e la posa della nuova pavimentazione in acciaio, sostituendo, laddove necessario, anche i travetti in legno lamellare di sostegno”.

“La ciclo pedonale lungo il Torrente Agno – ha aggiunto il sindaco, Francesco Lanaro, – è una infrastruttura importante, perché  garantisce uno sfogo per tutti quanti vogliono praticare sport all’aria aperta, oppure semplicemente muoversi senza usare la macchina. Oltre alla sistemazione dei tratti di pavimentazione, abbiamo in programma anche un intervento di sostituzione delle palizzate in legno, in alcuni tratti assenti, in altri molto ammalorate, sempre nell’intento di garantire sicurezza per tutti quanti transitano. Vogliamo anche impegnarci nel lavoro di realizzazione delle congiunzioni di tutti i tratti di pista esistenti nel nostro territorio, in modo da creare dei veri e propri percorsi integrati per una mobilità alternativa”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *