Breaking News
Davide Vendramin e Vicotria Lyamina
Davide Vendramin e Vicotria Lyamina

Concerto “Made in USSR” a “I martedì al conservatorio”

Vicenza – Ultimo appuntamento dell’anno domani, con “I martedì al conservatorio”, la tradizionale rassegna del Pedrollo di Vicenza, giunta alla sua quindicesima edizione. Il concerto che saluta il 2019, presso la sala Marcella Pobbe, dell’istituto, alle 18, proporrà un programma di grande interesse ed originalità dal titolo “Made in USSR”. Sul palco ci sarà uno speciale duo composto dal mezzosoprano Vicotria Lyamina e dal fisarmonicista Davide Vendramin, docente del conservatorio vicentino.

Il repertorio scelto attinge al Novecento cameristico russo, di compositori che hanno scritto pagine memorabili, anche per il cinema, sperimentando senza rinunciare al più intenso lirismo. La suggestiva presenza della fisarmonica, che vedrà due parentesi soliste su musiche a firma di Sofia Gubajdulina e Viatcheslav Semjonov, accompagnerà dunque la vocalità della Lyamina nelle romanze di Georgij Sviridov, Aleksander Machavriani, Boris Fomin, Isaac Dunaevsky, Nikolai Kutuzov e Matvei Blanter.

Victoria Lyamina, contralto/mezzosoprano, ha compiuto gli studi all’Accademia Gnesin di Mosca come cantante lirica, da camera e come pianista. Ha iniziato la carriera vincendo un concorso per la miglior Carmen. Entra quindi come solista al Teatro Helicon-Opera di Mosca e nello stesso periodo viene chiamata alla Filarmonica di Mosca. Numerosi i concerti e gli spettacoli d’opera in tutta la Russia e in Europa e le incisioni dedicate al grande repertorio classico.

Davide Vendramin, fisarmonicista e bandoneonista, ha compiuto gli studi musicali al Conservatorio di Pesaro, all’Università di Torino e all’Hochschule Künste di Berna. Si è esibito nell’ambito di importanti festival con le più rinomate orchestre e famosi direttori e al fianco di attrici e cantanti (Ute Lemper e Milva, fra i vari nomi). Ha registrato per la Rai e partecipato all’incisione dell’integrale delle opere per orchestra di Nino Rota, per Decca, e di “Chemins V” di Luciano Berio, per Ecm. Il concerto è ad ingresso libero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *