lunedì , 14 Giugno 2021

Basket Eurolega, netta vittoria esterna per Schio

Gdynia (Polonia) – Il Beretta Famila Schio sa vincere anche lontano dal PalaRomare e lo ha dimostrato con autorità questa sera, in Polonia. Nell’ottava giornata di Eurolega, prima di ritorno, le scledensi hanno infatti sconfitto a domicilio, per 47-74, le gialloblù dell’Arka Gdynia.

Sul legno della Gdynia Arena le arancioni sono uscite alla distanza: dopo due quarti senza spiccare (27-33 lo score a metà gara), nella ripresa hanno cambiato marcia, riuscendo a staccare in maniera netta le avversarie (41-20 il bilancio dei punti segnati nei secondi venti minuti).

La partita delle 18 inizia con un botta e risposta tra Popova e Dotto, 2-2, e poi, con i piedi dietro l’arco De Shields timbra il vantaggio delle scledensi, 2-5. Sul 6-9 le cestiste allenate da Gundars Vetra costruiscono un break di 6-0 che ribalta il risultato, 12-9. Gli ultimi scampoli della frazione sono appannaggio del Beretta, che grazie ai centri di Dotto, Harmon e Keys va al primo mini riposo sul +3, 14-17.

La contesa procede punto a punto, con le due squadre che alternano azioni ben costruite ad errori (per lo più palle perse) anche banali. Sul 21-19 due belle conclusioni di Cinili, una di Gruda e un proficuo viaggio in lunetta di Andrè consegnano a Schio il +7, 21-28, quando da poco è stato superato il giro di boa del periodo. Il tabellone rimane fermo per lunghi minuti e sono negli ultimi 90 secondi i quintetti ritrovano la via del canestro, lasciando però inalterato il divario tra i punteggi, 27-33.

Alle ripresa del gioco dopo l’intervallo lungo il Famila incrementa il suo vantaggio, che raggiunge la doppia cifra, 27-37. Gdynia si affida a Slamova e a Rembiszewska per rimanere attaccata alla partita; le arancioni rispondono con un gioco corale che manda a referto diverse giocatrici e al trentesimo il tesoretto del Beretta ammonta a 14 punti, 39-53.

Battisodo, De Shields, Keys e Gruda vanno a bersaglio e il +23 è servito, 41-64. La rocciosa difesa ospite preclude facili tiri alle avversarie, che nei primi sette minuti segnano solo 6 punti (45-70). Coach Vincent dà spazio a Chagas e Fassina ed è proprio la guardia di Castelfranco Veneto a siglare l’ultimo canestro del match, quello del 47-74.

Gdynia: Slamova 12, Niemojewska ne, Podgorna, Papova 10, Misiek 2, Rembiszewska 6, Kastanek 11, Guelich, Greinacher 2, Bálintova 4

Schio: De Shields 14, Keys 10, Lisec 4, Cinili 11, Gruda 17, Chagas, Fassina 2, Andrè 2, Dotto 6, Battisodo 2, Harmon 6

Ilaria Martini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità