Breaking News
Sandrine Gruda, centro francese del Beretta Famila Schio

Basket Eurolega, Schio cerca il primo successo esterno

Schio – Esame ungherese alle porte per il Beretta Famila Schio, che domani, per la settima giornata di Eurolega, massima competizione europea per club di basket femminile, affronterà il Sopron Basket, di coach Dávid Gáspár.

Il match, che sarà disputato alla Novomatic Arena di Sopron, con palla a due alle 18, sarà trasmesso in diretta streaming sul canale Youtube della Fiba (a questo link diretto).

Sopron guida la classifica del campionato ungherese (Nemzeti Bajnokság I/A) con 9 vittorie su 10 gare giocate, mentre in Europa le cose non vanno altrettanto bene. Dopo aver colto due vittorie di grande impatto, una a Montepellier e l’altra in casa con Fenerbache, la stagione è proseguita con quattro sconfitte consecutive, tra le quali l’ultima pesante subita a Kursk (78-47 il risultato finale).

Uno score, dunque, speculare a quello delle scledensi che per l’appunto hanno colto 4 successi (tutti al PalaRomare) e due stop (fuori casa) in campo europeo.

Una vittoria esterna nella gara di domani, dunque, significherebbe moltissimo per le ragazze di coach Pierre Vincent. Questo sia in termini di classifica (attualmente Schio è terzo, a pari punti con Fenerbahce e Montpellier) sia di consapevolezza.

“Veniamo da una buona prestazione contro Broni – ha analizzato la lunga francese Sandrine Gruda alla vigilia del match-. Abbiamo cambiato marcia nella ripresa, capendo che il singolo deve aiutare il collettivo. Ora siamo focalizzate su Sopron, in questo caso, ma in tutti in generale sarebbe cadere in una trappola guardare la classifica. Può succedere di tutto nel basket”.

“E’ vero che abbiamo vinto quattro volte, tutte in casa, perdendo sempre in trasferta. Senza dubbio c’è differenza:  in trasferta devi uscire dalla tua comfort zone, l’ambiente è nuovo e devi cercare di non distrarti o farti influenzare, nonostante la distanza da chi ti sostiene. Sta a noi, come prepareremo la gara e come l’affronteremo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *