Breaking News

Vicenza in dialogo con Bruxelles

Bruxelles – Si è conclusa la missione europea del sindaco di Vicenza, Francesco Rucco, oggi di ritorno da Bruxelles, dove ha incontrato diversi eurodeputati del territorio per approfondire la conoscenza dei rispettivi ambiti di intervento e competenza, nella prospettiva di accedere ai fondi europei che saranno resi disponibili attraverso specifici bandi della Commissione europea  e della Regione del Veneto.

“Avere un dialogo diretto e costante con i nostri rappresentanti al Parlamento europeo è fondamentale – ha commentato il sindaco -, non solo per essere a conoscenza delle opportunità di accesso alle linee di finanziamento ma soprattutto per comprendere l’approccio corretto ai bandi europei e alle modalità di progettazione più efficaci per accedere ai fondi. Oggi, molte questioni cruciali e strategiche sono discusse e decise a Bruxelles, quindi gli amministratori locali non possono più permettersi di sottovalutare l’importanza dell’Europa, né pensare che competa ad altri parlare direttamente con chi in quella sede rappresenta cittadini e territori.”

Rucco ha incontrato l’eurodeputato eletto in città, Alessandra Moretti, componente della commissione parlamentare che si occupa di ambiente, sanità pubblica e la sicurezza alimentare, con la quale ha condiviso l’opportunità di fare fronte comune sulle tematiche ambientali, soprattutto quelle relative a problemi legati alla salute dei cittadini. L’agenda degli incontri parlamentari è proseguita con gli europarlamentari Mara Bizzotto e Paolo Borchia, che si occupano, rispettivamente, di lavoro e affari sociali l’una, e di energia, industria e nuove tecnologie l’altro. Anche con loro è stata condivisa la disponibilità a fare squadra per diffondere sul territorio la conoscenza delle opportunità di accesso ai fondi europei.

Il sindaco ha infine incontrato il deputato europeo Carlo Fidanza, esperto in politiche dei trasporti e molto attivo nella commissione che si occupa delle delicate questioni del mercato interno, che spesso si traducono in regole vincolanti per gli operatori economici e quindi richiedono un presidio costante e significativo a beneficio del nostro sistema Paese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *