Breaking News

Sindacati e amministratori a confronto su Aim

Vicenza – Si è tenuto questa mattina, a Palazzo Trissino, un incontro al quale hanno partecipato il sindaco di Vicenza, Francesco Rucco, l’amministratore unico di Aim Spa, Gianfranco Vivian, e una folta delegazione sindacale guidata dai segretari provinciali di Cgil, Cisl e Uil, Giampaolo Zanni, Raffaele Consiglio e Grazia Chisin. Nei giorni scorsi infatti, il sindaco aveva ricevuto mandato, in consiglio comunale, di verificare la possibilità che alcuni servizi che oggi vengono svolti da Aim all’interno del Global Service possano essere realizzati in futuro in house providing, ovvero senza affidamento all’esterno attraverso una gara, ma provvedendo in proprio alla loro esecuzione.

Questo è stato reso necessario dal fatto che l’attuale contratto scade a fine mese, anche se l’intenzione, condivisa dalle parti, è quella di prorogarlo di un anno per consentire uno studio approfondito sulle varie possibilità di affidamenti in house. Ma il confronto si è esteso anche alla possibilità di una fusione di Aim con l’azienda veronese Agsm o con altre realtà.

“Un incontro importante – ha commentato Rucco – al termine del quale è emersa una unità di intenti sulla volontà comune di tutelare Aim e di valorizzare le maestranze attraverso l’affidamento in house di vari servizi, ipotesi ben vista anche dai sindacati. Ho ribadito che nessuno vuole parlare di spezzatino e che c’è la volontà di coinvolgere i sindacati nei prossimi passaggi, anche per quanto riguarda la questione della fusione”.

Da parte loro i rappresentanti sindacali hanno confermato il gradimento della prospettiva di affidare in house vari servizi. Se da un lato sono emersi la preoccupazione per la gestione dei servizi e la richiesta di mantenere le corrette relazioni sindacali, dall’altra è stata apprezzata l’ipotesi di non vendere una parte degli asset aziendali, soluzione che vedrebbe i sindacati assolutamente contrari. Hanno inoltre richiesto di confermare i protocolli sottoscritti nel 2013, riguardanti la tutela dei lavoratori e la qualità dei servizi.

Il prossimo passo prevede un incontro, il 25 novembre, tra i vertici di Aim e i delegati sindacali per la presentazione di una sintesi della relazione realizzata dall’Advisor Roland Berger sui tre possibili scenari per il futuro aziendale: mantenere lo status quo, fondersi solo con Agsm, fondersi anche con una terza realtà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *