Breaking News
Venezia, Palazzo Balbi, sede della giunta regionale - Foto: Alma Pater (CC)
Venezia, Palazzo Balbi, sede della giunta regionale - Foto: Alma Pater (CC)

Maltempo, Bottacin replica ai 5 stelle

Venezia – “Mi chiedo perché i pentastellati si rivolgano sempre alla Regione, dovrebbero piuttosto parlare con il ministro dell’ambiente Costa che è loro espressione politica. Ricordo ai consiglieri regionali che, in termini di prevenzione la Regione, ha già investito quasi 900 milioni di euro in opere di difesa del suolo secondo il piano D’Alpaos, che prevede investimenti per 3,2 miliardi di euro.”

Così l’assessore regionale all’ambiente e alla protezione civile Gianpaolo Bottacin interviene nella polemica innescata dai consiglieri regionali del Movimento 5 Stelle, che hanno definito l’allerta maltempo frutto del “fallimento della politica del cemento e degli affari”.

“Noi al ministro Costa chiediamo i fondi per continuare gli investimenti del piano D’Alpaos – spiega Bottacin – abbiamo i cassetti pieni di progetti e le idee chiare. Costa ci finanzi. E a Costa e ai pentastellati chiediamo semplificazione normativa nella pulizia dei corsi d’acqua. Avevo fatto approvare una legge in consiglio regionale per poter ripulire i corsi d’acqua agevolmente. Purtroppo il governo Renzi l’ha impugnata e la Corte Costituzionale ha sancito che solo lo Stato può intervenire in tal senso. Adesso ci aiutino loro a risolvere il problema.”

“Ai consiglieri vorrei anche ricordare che quella che loro definiscono fallimento della politica veneta – continua l’assessore all’ambiente – per quanto riguarda la gestione del maltempo, autorevoli accademici e persino il Presidente della Repubblica hanno definito sistema di eccellenza.”

“Solo per quanto riguarda la prevenzione abbiamo decine di cantieri aperti anche adesso – prosegue Bottacin – se vogliamo parlare invece in termini di previsione, abbiamo previsioni meteo che tutti ci invidiano: siamo l’unica regione in Europa in grado di prevedere i colmi di piena nei principali corsi d’acqua, grazie ad una collaborazione con l’Università di Padova, e l’unica regione in Italia ad aver attivato, in questo caso con l’Università di Firenze un sistema di monitoraggio satellitare dei movimenti del suolo.”

“I pentastellati del Veneto, – conclude Bottacin – se vogliono essere davvero utili a tutti i concittadini veneti, anziché fare comunicati stampa smentiti da autorevoli accademici, si attivino con il loro ministro Costa affinché intervenga in tal senso. I cittadini del Veneto, di qualunque appartenenza politica, gli sarebbero molto più che grati.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *