Breaking News

Azienda orafa nei guai per frode fiscale

Vicenza – Nuovo caso di frode fiscale da parte di una azienda vicentina. Stavolta si tratta di una società per azioni, operante nel comparto orafo, nei cui confronti la Guardia di Finanza di Vicenza ha eseguito un ingente sequestro preventivo, disposto dal gip del tribunale berico.

Le Fiamme Gialle, dopo una complessa indagine di polizia giudiziaria ed economico-finanziaria, hanno individuato un sofisticato sistema di frode fiscale caratterizzato dall’emissione di fatture per operazioni economiche inesistenti da parte di una società “cartiera” con sede in Malesia, interposta nel rapporto commerciale tra i veri fornitori di preziosi e la società di capitali vicentina. Questo, naturalmente, per gonfiare i costi di acquisto a favore di quest’ultima.

Attraverso l’utilizzo di fatture false, l’impresa berica ha presentato dichiarazioni fraudolente dal 2010 al 2014, realizzando un’evasione d’imposta quantificata in oltre 684 mila euro ed integrando il reato di “dichiarazione fraudolenta mediante l’uso di fatture per operazioni inesistenti”. La ricostruzione investigativa effettuata dai finanzieri,  è stata valutata attendibile dal giudice per le indagini preliminari, che ha emesso un Decreto di sequestro preventivo per equivalente, per la stessa somma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *