Breaking News
Romina Mondello in "Medea" (Foto di Fabio Lovino)
Romina Mondello in "Medea" (Foto di Fabio Lovino)

Vicenza, è di scena “Medea” al Teatro Olimpico

Vicenza – Ancora una prima nazionale nell’ambito del 72esimo Ciclo di spettacoli classici al Teatro Olimpico di Vicenza. Si tratta della nuova edizione di “Medea”, da Euripide, con protagonista Romina Mondello, regia di Emilio Russo. Lo spettacolo è in programma  venerdì 4, sabato 5 e domenica 6 ottobre, alle 21, ed è una produzione Tieffe Teatro Milano. Ricordiamo che il ciclo quest’anno vede la direzione artistica di Giancarlo Marinelli ed è intitolato “Muoiono gli Dei che non sono cari ai giovani”. E’ promosso dal Comune di Vicenza in collaborazione con la Fondazione Teatro Comunale di Vicenza e l’Accademia Olimpica, e realizzato con il sostegno della Regione del Veneto.

“Se I classici sono la riserva del futuro (Giuseppe Pontiggia) – si legge nelle note di regia -, è probabilmente un viaggio di sola andata quello verso Medea, in cui il ritorno è tutto da decifrare, da confrontare. Eppure indietro si dovrà pur tornare, forse provando a guardare dentro e oltre quella luce accecante del sole, meta finale del carro alato di Medea”. Questa nuova “Medea” è un progetto che vede come interprete principale Romina Mondello, giovane e talentuosa attrice, affiancata in scena da Alessandro Averone nel ruolo di Giasone, con Paolo Cosenza, Giovanni Longhin, Patricia Zanco e con Camilla Barbarito e Nicolas Errico.

“Il tema della tragedia è fortissimo – scrivono ancora gli organizzatori -. Medea sceglie di uccidere i figli (è stata ingiustamente abbandonata dal marito Giasone, per una donna più giovane e più ricca, Glauce, la figlia di Creonte, re di Corinto, la città in cui si svolge il dramma), anche se la loro morte le provoca un immenso dolore. I sentimenti materni e la volontà di vendetta si combattono furiosamente nel suo animo. La sua sofferenza è evidente fin all’inizio del dramma: Medea è una straniera, ma il coro di donne di Corinto comprende la sua situazione e ritiene addirittura giusto che Medea voglia vendicarsi”.

“L’atto di Medea è sconvolgente. Per allontanarlo, il mito cerca di sostenere che chi l’ha compiuto è Altro: un individuo diverso dalla nostra comunità, in cui queste cose non accadono e non possono accadere. Basta evitare di sposare donne straniere, dice Giasone, e si evitano tutti i problemi. Anzi, Medea non è nemmeno, per Giasone, una donna, ma una «leonessa» o un mostro marino. La tragedia è essenzialmente incentrata sugli uomini, lasciando da parte gli dèi, che non intervengono mai, tanto da spingere Giasone, verso la fine, ad inveire contro di loro accusandoli, ma senza risposta, di non aver impedito la triste sorte dei suoi figli”.

“Ma è lo stesso Euripide, come ci dice il regista, che dissemina tra le parole e le azioni della tragedia le tracce di un percorso che arriva sino a noi, distratti e corrotti dalla perdita di un orizzonte etico, ma ancora sensibili, nonostante tutto e malgrado noi stessi, alla ricerca del senso e della direzione di quella cosa che continuiamo a chiamare umanità. Dentro questo viaggio vive Medea, nella forza immutata e straordinaria della narrazione tragica, nella sua tensione drammatica e minacciosa, nel formidabile sviluppo dei conflitti interiori dei due protagonisti e tra i vari personaggi. Medea veste gli sguardi, i gesti, la voce di un’attrice di grazia, passione e talento, capace di tramutare intensità in essenzialità, di toccare la terra e guardare il cielo, di sedurre implicitamente ed esplicitamente uomini e dei, per costruire un personaggio multidimensionale, che saprà essere fuori dagli schemi”.

Dopo la prima nazionale al Teatro Olimpico, lo spettacolo sarà in scena a Milano, al Teatro Menotti, dal 17 al 27 ottobre.  Informazioni e biglietti (sono pochissimi i posti ancora disponibili) sul sito www.tcvi.it.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *