Breaking News

Taglio dei parlamentari, critiche dal Psi

Dal segretario regionale del Psi del Veneto, Luca Fantò, riceviamo e pubblichiamo…

*****

Vicenza – L’Italia non ha il più alto numero di eletti in rapporto alla cittadinanza e ridurre il numero dei parlamentari porterà ad un risparmio più simbolico che concreto. Oggi alla Camera dei Deputati è iniziato l’iter per l’approvazione non del “taglio dei parlamentari” ma del depotenziamento della rappresentanza democratica dei cittadini. I Deputati passeranno da 630 a 400, i Senatori da 315 a 200. Saremo il Parlamento più piccolo d’Europa. Ogni parlamentare rappresenterà oltre 150.000 cittadini. Ci saranno cittadine intere che non potranno avere un loro rappresentante. Impossibile pensare ad un rapporto diretto tra eletti ed elettori.

Qual è allora il senso della riduzione del numero dei parlamentari italiani? Allontanare il cittadino dai propri rappresentanti in Parlamento. E’ l’ennesimo tentativo dopo il fallimentare pseudo-maggioritario, non a caso soprannominato “Il Minotauro”, l’introduzione delle liste bloccate e l’ibrido “rosatellum”. Ora la riduzione di un terzo del numero di Senatori e Deputati. E poi sarà la volta del vincolo di mandato che, in mancanza di ideali comuni in grado di tenere uniti gli iscritti ai partiti e chi per essi si presenta agli elettori, come durante il fascismo, obbligherà ogni eletto ad una disciplina di partito non libera ma coatta.

E’ al suicidio della nostra Repubblica a cui stiamo assistendo, al suicidio del Parlamento in quanto espressione della democrazia rappresentativa in Italia. Noi socialisti della provincia di Vicenza lo abbiamo denunciato pochi giorni fa nel documento del direttivo provinciale. Documento illustrato poi in Direzione nazionale del PSI.

Noi socialisti del vicentino sollecitiamo tutte le forze politiche dei territori a rivoltarsi e segnalare ai propri organismi nazionali questo attacco alla democrazia italiana, alla nostra Costituzione. Invitiamo chi può avere realmente a cui la rappresentatività dei territori, a non cedere al timore di scontrarsi con un sentimento di ripulsa nei confronti delle Istituzioni che è stato imposto al sentire comune da forze politiche che sembrano attente più al proprio tornaconto elettorale che al benessere della democrazia.

Luca Fantò – Segretario regionale Psi del Veneto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *