Breaking News
Caso Cicero, Rucco: "Il fascismo non ci appartiene"
Il sindaco di Vicenza Francesco Rucco

“Rucco ceda l’assessorato alla sicurezza”

Intervento del Movimento Italia Sociale di Vicenza, che attacca la giunta comunale berica ed il sindaco Rucco, dopo il servizio di Striscia la notizia che ha portato alla ribalta nazionale le condizioni di degrado ed illegalità diffusa in cui versano Campo Marzo e zone limitrofe…

*****

Vicenza – Le incredibili sequenze del servizio dell’inviato di Striscia la notizia Vittorio Brumotti hanno posto sotto i riflettori una situazione disastrosa che i vicentini hanno visto crescere e sedimentarsi nel corso degli anni: Campo Marzo è una centrale di spaccio in mano ad immigrati dediti allo smercio di stupefacenti e ben decisi a difendere il predominio di una zona che sembrano considerare come loro esclusiva proprietà.

In tutto ciò, apprendiamo ora che i nuovi ed urgenti provvedimenti tesi a diminuire la presenza di spacciatori, criminali e violenti a Campo Marzo, appena disposti dalla Prefettura, rimangono inattuabili perché una semplice modifica da apportare al regolamento comunale giace da mesi sul tavolo della giunta.

Se corrispondesse al vero, i vicentini si troverebbero di fronte ad un grave episodio di superficialità e pressapochismo, che squalificherebbe ulteriormente  la gestione della lotta al degrado finora condotta dall’amministrazione con scarsissimi risultati. Il più volte dichiarato impegno del sindaco, poi, di porre la massima attenzione al tema sicurezza, perderebbe ogni credibilità.

Per Rucco, il tempo di dare corpo alle promesse fatte in campagna elettorale è arrivato agli sgoccioli. Il primo passo per rimettersi in carreggiata dovrebbe essere quello di designare una persona capace, e fuori dalle logiche spartitorie, alla cura della sicurezza cittadina a tempo pieno. Giunti a questo punto, cedere l’assessorato non sarebbe una dichiarazione di sconfitta ma un apprezzabile atto di responsabilità.

Gian Luca Deghenghi – Movimento Italia Sociale Vicenza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *