Breaking News

“Pedemontana specchio del fallimento della Lega”

Venezia – “Dunque la Pedemontana, il gioiello del nostro presidente Zaia, oltre a pesare ogni giorno di più sui portafogli, continua a pesare sull’incolumità e la salute dei cittadini.  Per gli abitanti della Vallugana, non bastava dover vivere sottoposti 24 ore al giorno ai disagi legati alla costruzione del tunnel tra Castelgomberto e Malo, cioè rumore, vibrazioni, esplosioni, traffico. Ora sei persone si sono intossicate a causa della coltre densa di polvere che proviene dal cantiere”.

E’ quanto scrive in una nota diffusa oggi il consigliere regionale veneto del Movimento 5 Stelle Manuel Brusco, inseredosi nella polemica per i disagi che sta causando agli abitanti della Vallugana il cantiere per la costruzione della Superstrada Pedemontana. Brusco si chiede polemicamente se sia questo il modello di sviluppo sostenibile che Zaia porta avanti.

“Il caso Vallugana – continua il consigliere pentastellato – è l’ennesimo tassello del fallimento Lega in Veneto, un’opera che fa acqua da tutte le parti e ha causato anche la morte di più di una persona all’interno dei cantieri. Dov’è il Sindaco che dovrebbe essere la massima autorità in campo sanitario del proprio Comune?”

“Noi del M5S – conclude Brusco – siamo dalla parte dei cittadini e abbiamo appoggiato un ricorso al Tar, assieme ai comitati del territorio, contro la variante di progetto che sta rendendo impossibile la vita degli abitanti in Vallugana: era stato promesso che in questa stretta valle, mai più sarebbe passato un solo camion e invece è arrivata la variante, sostenuta anche dall’amministrazione comunale. Ora basta”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *