Breaking News

Parrucchiere non fa la ricevuta. Sospesa l’attività

Arzignano – Giro di vite da parte della Guardia di Finanza di Vicenza sul fronte dell’emissione di scontrini e ricevute fiscali. I finanzieri del comando Provinciale hanno infatti intensificato i controlli, proponendo, per quelli che violano la norma per quattro volte in un quinquennio, la sospensione dell’attività. In particolare, la settimana scorsa, è stato eseguito un provvedimento del direttore generale dell’Agenzia delle entrate del Veneto con il quale è stata disposta la chiusura, per tre giorni, di un noto salone del centro di Arzignano.

Il titolare dell’attività commerciale, di nazionalità cinese, da diversi anni attivo in città con un salone di acconciature per uomo e donna, si è infatti reso responsabile di quattro distinte violazioni in materia emissione dello scontrino fiscale, nell’arco di cinque anni, constatate dai finanzieri a partire dal 2014. Per chi non rilascia scontrino o ricevuta fiscale è prevista una sanzione amministrativa, il cui ammontare è pari al 100% dell’Iva non documentata e, comunque, non inferiore a 500 euro.

Le violazioni riscontrate nel corso del quinquennio, tuttavia, hanno portato i finanzieri di Arzignano ad effettuare un’apposita segnalazione all’Agenzia delle entrate, affinché provvedesse all’irrogazione della prevista sanzione accessoria della sospensione della licenza, dell’autorizzazione all’esercizio dell’attività o dell’esercizio dell’attività medesima, per un periodo che può variare da tre giorni a un mese. A seguito della segnalazione, è così scattato il provvedimento di sospensione dell’esercizio dell’attività, a partire dal 17 ottobre, e i finanzieri hanno apposto i sigilli alle porte di accesso del locale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *