Breaking News
Ecco come dovrebbe apparire la facciata del ristorante al Castello Superiore

Marostica, al via la ristrutturazione del Castello

Marostica – Qualificare al massimo il sito monumentale del Castello superiore, dal punto di vista architettonico e ambientale, così da valorizzarlo a livello turistico. E’ questo il principio che ha guidato il progetto di ristrutturazione del Castello superiore che, dopo anni di rinvii, prenderà il via lunedì 28 ottobre.

Un progetto senza precedenti, per un bene tutelato, frutto di un lungo dialogo con la Soprintendenza, che rivoluzionerà non solo l’aspetto esterno, con un ritorno al disegno della facciata originaria, ma anche la fruizione, con interventi architettonici, per un totale di 1.370.000 euro di lavori.

La prima fase dei lavori riguarda la ristrutturazione del ristorante nel cortile del Castello superiore, chiuso dalla scorsa primavera, per il quale ci sarà un nuovo bando per la gestione all’inizio del 2020. I lavori, per un importo complessivo di 670.000 euro, prevedono l’adeguamento impiantistico ed igienico-sanitario sui locali esistenti, allo scopo di un generale riordino e riorganizzazione degli attuali spazi.

Sotto il profilo architettonico, il progetto propone un ritorno all’immagine originaria del fabbricato, rendendo riconoscibili le diverse epoche costruttive, ma soprattutto riportando la primaria funzione di belvedere, con terrazzamenti al primo piano, un nuovo pergolato, uno spazio di accoglimento con bar, in vista dell’aumento dei visitatori del Castello.

Oltre a questa nuova immagine esterna, più pulita e rispettosa della struttura originaria, l’innovazione progettuale passa soprattutto attraverso la volontà, nella seconda fase di lavori, di rendere pedonale il cortile, eliminando l’accesso e la sosta delle auto, che interferiscono negativamente sulla prospettiva e l’ambiente circostante. L’idea è quella di creare una passeggiata panoramica, con l’ampliamento del parcheggio del Museo ornitologico (da 20 a 40 posti) e con la realizzazione di un ascensore che copra il dislivello di 20 metri.

L’accesso al Castello potrà avvenire a piedi, attraverso l’attuale via di risalita, oppure usando l’ascensore panoramico a poca distanza, che offrirà una nuova e suggestiva veduta della città. Questa seconda fase dei lavori prevede un investimento di 700 mila euro e partirà nei primi mesi del 2020, dopo l’assegnazione del bando di gestione e durante la fase di allestimento interno da parte del nuovo gestore.

“Siamo orgogliosi di questo progetto – ha sottolineato il sindaco di Marostica, Matteo Mozzo -. Abbiamo investito molte risorse per dare dignità ad uno dei nostri beni monumentali più prestigiosi, che deve diventare il fulcro della promozione turistica della città. In poco più di un anno questa amministrazione ha messo in piedi un progetto contemporaneo, dimostrando soprattutto di avere una visione nella nuova e futura gestione del ristorante e nella valorizzazione turistica del sito, nel più ampio contesto paesaggistico e ambientale”.

“La ristrutturazione del ristorante, il camminamento di ronda, la realizzazione del punto di discesa in Porta Breganze ed ora il nuovo progetto di un punto di risalita a nord del Colle Pausolino, con inedita vista sull’Altopiano, sono tutti progetti che insieme concorrono allo sviluppo delle presenze turistiche in città – ha evidenziato l’assessore al turismo, Ylenia Bianchin -. Dobbiamo ripensare il nostro territorio, valorizzando storia e ambiente, rendendo accessibili e mettendo in collegamento i beni preziosi che già custodiamo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *