Breaking News

Bocciodromo, interrogazione di Fratelli d’Italia

Dal gruppo di Fratelli d’Italia in seno al Consiglio comunale di Vicenza, riceviamo e pubblichiamo…

*****

Vicenza – Dopo aver preso atto, non senza una nota di disappunto più volte rimarcata, che lo stabile di Via Rossi verrà nuovamente assegnato all’RTI Bocciodromo 2.0, il gruppo consiliare di Fratelli d’Italia ha provveduto a depositare un’interrogazione per capire quali siano le reali attività svolte dalle associazioni che gestiranno lo stabile Bocciodromo.

Questa necessità scaturisce dagli avvenimenti verificatesi non solo durante la precedente gestione, ma soprattutto dalla protesta a sfondo politico organizzata proprio dal Bocciodromo davanti alla caserma Ederle di venerdì 11 ottobre 2019  contro la politica di non intervento del Presidente degli Stati Uniti Trump, corredata di post di Facebook apparso nella pagina del Bocciodromo che recita “Un centinaio di manifestanti si sono avvicinati all’ingresso della caserma americana Ederle, uscendo dal presidio autorizzato. Prima di essere respinti dalla polizia in tenuta antisommossa, è stata lanciata vernice contro la base Usa”.

Riteniamo che gli immobili di proprietà del Comune debbano essere spazi inclusivi, in cui possano essere accolti e coinvolti tutti i cittadini, indipendentemente dalla loro appartenenza politica e che proprio questo dovrebbe essere il fondamento delle attività degli enti del Terzo settore. Per questo è indispensabile per l’amministrazione conoscere quali siano le reali attività che vengono svolte da tutte le associazioni che compongono l’RTI Bocciodromo 2.0, nonché responsabilità della stessa amministrazione assicurarsi che venga rispettata la normativa vigente. È indispensabile chiarire quanto espresso prima della definitiva aggiudicazione dell’immobile sito in Vicenza, via Rossi n. 198.

Gruppo Consiliare Fratelli d’Italia – Vicenza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *