Breaking News
La playmaker Irene Kolar, alla sua prima stagione con la casacca di Vicenza

Basket, Vicenza in trasferta a Villafranca

Vicenza – “Prendiamo il tanto di buono che è emerso contro Ponzano e guardiamo avanti con fiducia. Il gruppo è forte e coeso e dimostrerà con i fatti quanto vale”. Sono le parole del general manager della VelcoFin InterLocks Vicenza, Mario Bedin, in seguito alla prima sconfitta incassata, domenica scorsa, dalle biancorosse.

Nel mirino della compagine berica ora c’è l’Ecodent Point Alpo, di Villafranca di Verona, una delle realtà più toste del campionato. Un derby veneto in calendario per la terza giornata del girone nord della serie A2 di basket femminile, che verrà giocato domani, sabato 12 ottobre, al palazzetto comunale di Villafranca, con inizio alle 20.30.

Le biancoblù veronesi hanno 2 punti in classifica, così come le biancorosse, ma fino ad ora l’Ecodent ha disputato una sola partita. In seguito alla vittoria contro Milano la squadra di coach Nicola Soave ha riposato. La gara, contro Crema, in programma alla seconda giornata è stata infatti rinviata al 24 ottobre a causa della convocazione di Elisa Policari (ala biancoblù) con la nazionale italiana under 23 per il Mondiale 3vs3 in Cina.

“Per tornare un attimo alla partita con Ponzano – ha sottolineato l’allenatore della VelcoFin, Carmelo Gorgone -, è risultato positivo il recupero dal -12; ma il fatto è che non dobbiamo arrivare ad accumulare passivi così pesante. Dal punto di vista offensivo le cose funzionano: contro le trevigiane quattro giocatrici sono finite in doppia cifra, ma dobbiamo lavorare sulla coesione e sul coordinamento in fase di difesa. Le regole guida difensive vano condivisive e su questo fondamentale stiamo lavorando molto”.

“Siamo consapevoli che Alpo ha un ottimo spirito di squadra e che si ritrova a memoria. Le nostre avversarie possono contare su una brava playmaker (Vespignani) e su un concreto reparto lunghe dove spiccano le esperte Dzinic e Dell’Olio, un baluardo potente sotto le plance. Andiamo a Villafranca consapevoli del grosso impegno che ci attende, ma con quel pizzico di sfrontatezza tipico di chi ha poco da perdere. Spesso la mentalità supera la tecnica”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *