Breaking News

Annata nera per le olive vicentine

Vicenza – Annata difficile per l’olio vicentino, che, in linea con tutto il Veneto, dove si preannunciano perdite medie oltre il 65%, pronostica una raccolta 2019 piuttosto magra, sia sui Colli Berici che nella zona di Pove del Grappa. Dopo un 2018 eccellente, coronato da un’abbondante produzione (220 mila quintali di olive in Veneto), si può parlare di una vera e propria debacle, visto che si parla di perdite regionali previste nell’ordine di decine di milioni di euro.

“Nella migliore delle ipotesi, prevediamo che la raccolta segni perdite dal 60 al 70 per cento – dice Enrico Pizzolo, presidente di Confagricoltura Vicenza -. Trattandosi di olive, è fisiologico che anni carichi, come quello scorso, si alternino ad anni di scarica, ma un quadro così desolante è da catastrofe. Il mese di maggio molto piovoso e freddo ha interferito pesantemente nella fioritura, in quanto il fiore dell’olivo è molto delicato e ha bisogno di un buon clima per svilupparsi. Da giugno è seguito un rialzo termico importante, che ha ulteriormente aggravato la situazione. Infine c’è stato un aumento delle fitopatie, che hanno accentuato la cascola. Molti, avendo poche olive, non hanno neppure trattato adeguatamente contro la mosca olearia e perciò gli attacchi sono stati la botta finale”.

Lo scorso anno la resa, favorita dalle ottimali condizioni climatiche, era stata pari a più del doppio rispetto alla pessima annata 2017. In Veneto ci sono 3.560 ettari a olivo, con crescita annua del +0,7 per cento. A Verona si concentra circa il 70 per cento delle superfici regionali, seguita da Vicenza (562 ettari, +0,4%), Treviso (550 ettari, +18,3%) e Padova (430 ettari, +3,6%) (dati Veneto agricoltura).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *